La prima puntata di Pechino Express, tra sfide e stranezze

E’ andata in onda la prima puntata di Pechino Express che dopo due edizioni ambientate in Sud America, è tornato in Asia partendo precisamente dalle Filippine. Le coppie in gara quest’anno sono otto, ognuna con le sua peculiarità: Figlia e Matrigna (Eugenia Costantini con Agata Cannizzaro), i Maschi (Francesco Arca e Rocco Giusti), Estrellas (Olfo Bosè e Rafael Amargo), gli Egger (Alessandro Egger e Cristian Victoria), i Clubber (Ema Stokholma e Valentina Pegorer) ed i Modaioli (Marcelo Burlon e Michele Lamanna).

La prima puntata di Pechino Express, tra sfide e stranezze

pechino-express-prima-puntata

Le otto coppie in gara dovranno, come ogni anno, sfidarsi a colpi di autostop per raggiungere per primi il traguardo, Tokyo, attraversando l’Asia dalle Filippine a Taiwan. Ogni coppia dovrà conquistare delle stelline d’oro che svolgeranno un ruolo decisivo nella misteriosa prova finale e per farlo dovranno sottostare alle più disparate prove, dal raccogliere spighe di riso al fare le pulizie nelle case degli autoctoni. Un format di successo che sta registrando record di ascolti da oltre 6 anni.

La prima puntata e la prima tappa di Pechino Express

La prima puntata ha visto le coppie sfidarsi nella prima tappa filippina di 328 chilometri da terminare nella Megalopoli Manila. Ad arrivare per prima al traguardo è stata la coppia formata da Antonella Elia e Jill Cooper conquistando l’immunità e una stellina d’oro insieme alla coppia degli Amici formata da Guglielmo Scilla e Alice Venturi. I peggiori della prova sono indubbiamente stati gli Egger a causa della mamma Cristina che con la sua esuberante personalità si è già conquistata forti antipatie. Per nulla interessata alla vittoria, ha preferito perdere un passaggio per gustare una fetta di anguria affermando annoiata di non vedere l’ora di tornare a Montecarlo, con grande imbarazzo del figlio Alessandro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*