Stanze per il pianto e amici immaginari: tendenze più bizzarre dell'Asia

imagesffffbbbb
Quando si tratta di girare il mondo, è normale imbattersi in vecchi usi e costumi. Ma tra loro ce ne sono alcuni a dir poco strani.

Con un'iniziativa che ricorda molto il film "Her", i sudcoreani usano un app che consente di inviare messaggi di testo con un amico immaginario. L'app invia testi positivi e confortanti a un utilizzatore che ha espresso sentimenti di solitudine e depressione.

Più di 4 milioni di sud coreani usano l'app e circa l'80 pe cento sono teenager. Ciò ha portato alcuni psicologi a indagare sulla capacità dei giovanissimi a mantenere delle relazioni.

Secondo uno studio condotto dalla Seoul National University, il 20 per cento degli studenti delle scuole medie ha espresso il timore di subire del bullismo e questa potrebbe essere la ragione per cui essi trovano conforto nell'app.

"Le persone che si sentono sole hanno un disperato bisogno di trovare qualcuno che simpatizzi per loro e reagisca a quello che dicono," afferma Hwang Sang-min, professore alla Seoul Yonsan University dal giornale Chosun Ilbo.

Nel frattempo, in Giappone, un hotel tende la mano a donne emotivamente debilitate mettendo loro a disposizione vere e proprie stanze adibite al pianto.

Il Mitsui Garden Yotsuya hotel a Tokyo ha dichiarato che le donne possono presentarsi per la stanza prenotata se stanno cercando un posto per piangere rumorosamente e "calorosamente".

Nelle stanze si possono trovare struccatore e una mascherina per gli occhi. Se si vogliono assecondare le lacrime, la stanza mette a disposizione una selezione di film tristi come "Forrest Gump" e lo strappalacrime film sudcoreano "A Moment to Remember".

In un comunicato stampa l'hotel afferma di offrire questi servizi nella speranza di aiutare le donne ad alleviare lo stress e superare i problemi emotivi.

Quindi, l'articolo non fa alcuna menzione su dove gli uomini possano andare a piangere. Forse la terapia potrebbe essere quella di socializzare con un amico immaginario.

Giusto un'idea...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*