Encefalite nei bambini: 9 cause e 14 sintomi

-
18/04/2017

Sapevi dell’esistenza dell’encefalite? Sapevi che il tuo piccolino ha un rischio maggiore di contrarla? Se queste domande di disorientano o, semplicemente, vuoi saperne di più su questa malattia, continua a leggere questo articolo. Qui parliamo dell’encefalite nei bambini, dei suoi sintomi, delle cause e dei trattamenti.

Cos’è l’encefalite?

Prima di capire come l’encefalite colpisce il tuo piccolino, vediamo che tipo di malattia è. L’encefalite è una condizione neurologica rara che si presenta nei bambini al di sotto di un anno di vita. È un’infiammazione dei tessuti cerebrali che può portare a convulsioni, nausea e vomito.

Cause dell’encefalite

L’encefalite solitamente è il risultato di un’infezione virale, ma talvolta può essere il risultato di un’infezione batterica. Questa infezione si contrae sia col contatto umano, sia attraverso il morso di insetti e zanzare. Se il tuo bambino consuma cibo contaminato, può contrarre un’infezione che potrebbe degenerare in encefalite. Generalmente, il virus o il batterio che diffonde l’encefalite entra nel cervello e ne infiamma i tessuti cerebrali. L’infiammazione distrugge le cellule nervose portando, eventualmente, a un’emorragia intercerebrale danneggiando il cervello. Di seguito, i virus da cui si può contrarre l’encefalite:

1. Morbillo
2. Rabbia
3. Poliomielite
4. Parotite
5. Virus del Nilo occidentale
6. Rosolia
7. Echovirus
8. Citomegalovirus
9. Virus dell’herpes simplex

Sintomi dell’encefalite nei bambini

I sintomi dell’encefalite possono diventare gravi nel giro di alcuni giorni o addirittura ore, facendo peggiorare rapidamente la salute del tuo bambino. Tra i sintomi dell’encefalite nei bambini ci sono:

1. Nausea e vomito
2. Rigidità del corpo
3. Pianto inconsolabile
4. Mancanza di appetito
5. Irritabilità (sintomo più comune)
6. Possibili rigonfiamenti nei tessuti molli del cranio
7. Forte mal di testa
8. Convulsioni
9. Perdita di sensibilità nel corpo
10. Diplopia
11. Perdita della memoria
12. Stato di torpore o estrema sonnolenza
13. Perdita di coscienza
14. Tremori

Consultare il pediatra

La cosa migliore da fare è portare il bambino dal medico non appena mostra i primi sintomi. Nel caso in cui il bambino abbia una temperatura del corpo eccessivamente alta e si rifiuti di calmarsi, cerca immediatamente l’aiuto di un medico. Se i sintomi peggiorano, non ignorare questi segnali.


Leggi anche: Mononucleosi nei bambini: 3 cause, 8 sintomi e 3 trattamenti

Prevenire l’encefalite

L’encefalite è una condizione indotta da un virus o da un batterio ed è possibile evitarla prendendo determinate precauzioni. Prendi in considerazione le seguenti misure preventive.

1. Riduci la presenza di zanzare in prossimità della tua casa pulendo per bene ed eliminando l’acqua stagnante.
2. Evita che il tuo piccolino entri in contatto con chiunque abbia un’infezione batterica o virale.
3. Assicurati di lavare spesso le mani, soprattutto prima di prendere in braccio il tuo bambino. In questo modo avrà meno possibilità di contrarre eventuali infezioni.

Trattare l’encefalite

Ci sono vari modi di trattare e ridurre i sintomi dell’encefalite, tra cui:

1. Farmaci antivirali.
2. Farmaci antibatterici.
3. Steroidi, per i bambini che soffrono di un grave rigonfiamento del tessuto cerebrale.
4. Farmaci anticonvulsivanti, per i bambini che soffrono di crisi epilettiche.
5. OTC, ossia farmaci da banco, per i bambini con febbre e mal di testa.
6. Il medico potrebbe prescrivere anche dei sedativi per trattare irrequietezza e irritabilità.

Se il tuo bambino mostra i sintomi dell’encefalite, portalo immediatamente dal pediatra. Ne va della sua salute, per cui non correre rischi.

Speriamo che tu abbia trovato utile queste informazioni. Il tuo bambino ha mai contratto l’encefalite? Come ti sei comportata? Come l’hai gestita?