Come far addormentare un bambino agitato: 7 consigli efficaci

-
29/11/2016

Come far addormentare un bambino agitato: 7 consigli efficaci

Fare la madre è il lavoro più difficile del mondo, non ci sono vacanze né pause! Soprattutto nel caso in cui il bambino non dorme bene la notte, sono i genitori a risentirne. Se il vostro bambino fa parte di questa categoria, siamo solidali con voi.
I bambini agitati sono comuni in molte famiglie. Ma con pazienza e con l’aiuto del vostro partner potrai sicuramente affrontare al meglio questo problema.

7 consigli efficaci per far addormentare un bambino agitato

Molte mamme si preoccupano del fatto che il loro bambino possa non dormire bene. Non dimenticare che dormire per un bambino è una cosa naturale una volta che il loro pancino è pieno! Quindi, la chiave per farlo dormire bene è fare in modo che sia sazio.
Un neonato ha bisogno di mangiare a intervalli regolari per assicurarsi una crescita e uno sviluppo sano. Vuoi sapere come aiutare a dormire un bambino agitato? Prova uno dei seguenti consigli.

1. Interpreta bene i segnali del tuo bambino

Il tuo bambino non è in grado di dirti che è assonnato, ma sa mandarti dei messaggi ben precisi.

• Se il tuo bambino si strofina gli occhi, si tira le orecchie o ha gli occhi gonfi, allora vuol dire che è assonnato. È il momento giusto per metterlo a letto.
• Se ritardi il momento in cui mettere a letto il tuo bambino, diventerà ancora più irrequieto e a quel punto è probabile che non riuscirà ad addormentarsi.


Leggi anche: Come gestire l’anoressia infantile: 7 consigli efficaci

2. Fai parlare l’ambiente

Il bambino non capisce bene la differenza tra il giorno e la notte, dato che trascorre la maggior parte del tempo in casa.
• Insegnagli delicatamente la differenza, portandolo fuori per pochi minuti alla luce del sole, possibilmente in un angolo luminoso del tuo terrazzo.
• Cerca sempre di creare un’atmosfera che aiuti il suo sonno di notte. Riduci i rumori esterni, abbassa le luci e mettilo a letto per fargli capire che adesso non è più tempo di giocare.

3. Evita i cambi di routine improvvisi

Potresti renderti conto che alcuni piccoli cambiamenti che circondano il bambino lo rendono agitato.

• Ai bambini piace stare in ambienti che conoscono insieme a persone che conoscono.
• Quindi, fai dormire il tuo bambino sempre nella stessa camera, nello stesso letto o nella stessa culla.
• I bambini hanno bisogno di sentirsi al sicuro quando dormono, perciò se hanno un giocattolo o una coperta preferiti lasciaglieli tenere.

4. Capisci perché si sveglia

Probabilmente ti infastidisce il fatto che il bambino si svegli nel cuore della notte e inizi a piangere. Ma ci sono dei motivi se lo fa, e tu devi capire quali sono.

• È possibile che il bambino abbia il pannolino bagnato o che abbia fame. Prendi nota di ciò e apporta i cambiamenti necessari nella sua dieta.
• Assicurati che il tuo bambino sia sazio prima di metterlo a letto. Assicurati anche che il pannolino che indossa duri tutta la notte.

5. Imposta una routine del sonno

Così come il tuo bambino capisce che è ora di mangiare quando gli dai il biberon, allo stesso modo devi impostare una routine che lui possa associare al momento di andare a dormire.


Potrebbe interessarti: Far dormire il bambino sul pavimento: 11 consigli

• Includi nella routine un bagnetto caldo prima di metterlo a letto.
• Se di solito gli canti una ninna nanna fallo tutte le sere, oppure registrala e falla partire prima che si addormenti. Una routine del genere lo farà addormentare facilmente.

6. Una giornata tranquilla

Se il tuo bambino è irritabile e irrequieto durante il giorno, di notte le cose non cambieranno. Aiutalo a rendere le sue giornate calme e tranquille.

• Puoi rendere tranquilla l’atmosfera di casa e trascorrere più tempo con lui.
• Allo stesso modo, se il tuo bambino passa una nottata agitata, anche il mattino seguente potrà essere impegnativo.
• Quindi preparati quando sai già che il giorno seguente il bambino sarà irrequieto.

7. Fatti aiutare dal tuo partner

È difficile gestire il bambino da sola tutto il giorno e tutta la notte. È una responsabilità che devi dividerti con il tuo partner.

• Solitamente, la mamma o la tata sono le persone che se ne occupano principalmente durante il giorno. Idealmente, il tuo partner dovrà prendersene cura durante la notte.
• Se lavorate entrambi, è meglio fare un punto chiaro della situazione e delegare questa responsabilità.

Ricorda che il neonato è nuovo a questo mondo, dopo essere stato al sicuro nel tuo grembo per nove mesi: gli ci vorrà un po’ per capire questi meccanismi. Prova a mettere in atto i consigli che ti abbiamo dato per far dormire meglio il tuo bambino e per dormire meglio anche tu!
Mamme insonni, speriamo che adesso riusciate a gestire meglio i vostri bambini irrequieti.