Mal di montagna e bambini: tutto ciò che devi sapere

-
01/02/2017

Mal di montagna e bambini: tutto ciò che devi sapere

Il tuo bambino tende a vomitare, a non mangiare e a non dormire quando viaggia verso alte quote? In tal caso, potrebbe soffrire di mal di montagna. Leggi l’articolo per saperne di più su questa condizione.

Il mal di montagna

Mal di montagna è un’espressione generica per indicare tutta una serie di sintomi che si possono verificare quando ci si trova ad alta quota. Il mal di montagna si può verificare quando il corpo non è in grado di prendere dall’aria la quantità di ossigeno di cui ha bisogno. Qualsiasi persona che non sia abituata alle alte quote può avere questi sintomi, come mal di testa, vomito, nausea, mancanza di appetito… Il mal di montagna si verifica di solito sopra i 2500 metri d’altezza. Può soffrirne chiunque, dagli adulti ai bambini.
Il mal di montagna può essere di tre tipi, a seconda dei sintomi.

1. Mal di montagna acuto (o AMS, altitude mountain sickness)

Sintomi: mal di testa, mancanza di appetito, vomito, nausea, affaticamento.

2. Edema cerebrale da alta quota (o HACE, high-altitude cerebral edema)

Sintomi: tutti i sintomi dell’AMS più letargia estrema, andatura non bilanciata, difficoltà nel camminare e confusione.

3. Edema polmonare da alta quota (o HAPE, high-altitude pulmonary edema)

Sintomi: tutti i sintomi dell’AMS più affaticamento, dispnea, tosse e debolezza.

L’AMS è la forma più comune di mal di montagna e ne soffre la maggior parte della gente quando si trova ad alta quota. L’HACE e l’HAPE sono forme più rare ma, se non trattate in tempo, possono rivelarsi fatali.

Il mal di montagna nei bambini

I ragazzi di tutte le età possono soffrire di mal di montagna, inclusi i bambini più piccoli. Se il tuo bambino non dorme bene quando si trova ad alte quote, può essere un segno che soffre di mal di montagna. Controlla se ha altri sintomi come una maggiore irritabilità, difficoltà di respirazione, mancanza di appetito, tosse e vomito. Il sintomi del mal di montagna nei bambini possono manifestarsi subito o dopo un paio d’ore. I bambini più grandi possono lamentare vertigini, affaticamento e altri sintomi. Ma quando si tratta di bambini, fai attenzione ai segni non verbali.


Leggi anche: Reflusso renale e bambini: tutto ciò che devi sapere

Come curare il mal di montagna nei bambini

1. Tieni il tuo bambino al caldo con un abbigliamento adeguato. Copri la sua testa, le sue mani e i suoi piedi con un cappellino o una coperta.
2. Tieni il bambino idratato con sorsi frequenti di acqua fresca. Cerca di allattare o di dare il biberon al bambino se noti che l’appetito è tornato.
3. Se i sintomi sono gravi, allora è meglio portarlo al pronto soccorso. Se questo servizio non è disponibile, scendi immediatamente a bassa quota e cerca urgentemente un medico.

Consigli per evitare il mal di montagna nei bambini

Prendi in considerazione i seguenti consigli quando pianifichi con la tua famiglia un viaggio verso alte quote.

• Se possibile, evita di viaggiare verso alte quote, soprattutto con bambini al di sotto dei tre mesi. A questa età i loro polmoni non sono sufficientemente sviluppati per gestire la mancanza di ossigeno ad altitudini più elevate.
• Evita di viaggiare verso alte quote se il tuo bambino ha sofferto di recente di infezioni, febbre o problemi respiratori.
• Spezza il viaggio verso alte quote con frequenti pause. Il più delle volte, i sintomi del mal di montagna nei bambini si possono evitare se l’ascesa è lenta. Pianifica il tuo itinerario in modo che tu possa riposare un giorno o almeno un paio d’ore per strada.
• Consulta il medico del tuo bambino prima di programmare un viaggio verso alte quote. Completa i tuoi programmi solo se il dottore permette al bambino di viaggiare. Anche in questo caso, chiedi al medico di prescriverti dei farmaci d’emergenza per il tuo bambino, come il paracetamolo e una soluzione reidratante.
• Se i sintomi peggiorano o il bambino si rifiuta completamente di mangiare o di bere, cerca urgentemente un medico.

Il mal di montagna lieve non è nulla di cui preoccuparsi e i sintomi solitamente regrediscono nell’arco di un paio di giorni. Fai attenzione ai sintomi del tuo bambino quando si trova ad alte quote e agisci di conseguenza.

Il tuo bambino ha mai sofferto di mal di montagna? Come hai gestito la situazione?