Come riordinare la cantina: 10 consigli utilissimi

Serena Basciani
  • Giornalista e Content Editor
  • Esperta in Personal Branding

Come riordinare la cantina? Abbiamo pensato a 10 punti per organizzare il lavoro di riordinare la cantina senza lasciare niente al caso, anche quello che non immaginerete mai o può sembrare scontato.

Come riordinare la cantina: 10 consigli utilissimi

Organizzare e riordinare a volte può essere terapeutico. Nella maggior parte dei casi però è solo una pratica indispensabile per avere una vita organizzata a seconda delle necessità dei diversi componenti della famiglia.
Oggi abbiamo pensato di concentrarci su uno spazio in particolare, ovvero la cantina. Luogo caratteristico delle abitazioni e dei condomini degli scorsi decenni, meno diffuse in zone residenziali, le cantine sono un luogo spesso identificato come “magico” perché custodi solitamente di ricordi ed eredità.

cantina ordinare

10 Punti Per Ordinare La Cantina

Per facilitarvi nella fase di preparazione e di riordino abbiamo scelto di suddividere in 10 punti il percorso di organizzazione degli spazi della vostra cantina.

  1. Dividere le cose da buttare in sacconi trasparenti
  2. Contattare una ditta traslochi
  3. Pulizia Approfondita
  4. Prese di Corrente
  5. Disinfestazione
  6. Organizzare gli Spazi
  7. Deumidificare gli ambienti
  8. Ottimizzare l’illuminazione
  9. Fare una checklist di cosa manca
  10. Lasciare spazio vuoto

1. Dividere la cose da buttare in sacchi trasparenti

raccolta differenziata


Leggi anche: Islanda: migliori cose da vedere e fare

La prima cosa da fare quando si decide di riordinare uno spazio è fare mente locale sulle cose da gettare e quelle da tenere. In questo caso consigliamo di riporre le cose da buttare, trattandosi probabilmente di cosa voluminose, munendosi di sacconi o scatole trasparenti. Infatti quasi sicuramente si tratterà di cose che andranno in discarica e perciò dovrete scrivere all’esterno il contenuto, che l’operatore ecologico potrà verificare essere corrispondente: vetro, corrente elettrica, plastica, carta, pile

2. Contattare una ditta di traslochi

ditta traslochi

A leggere così potrebbe sembrare una cosa impegnativa, anche a livello economico, in realtà ci sono molte ditte che fanno solo l’operazione di trasporto in discarica con cifre contenute, anche negli 80,00 euro, se i sacchi/scatole sono già pronti e divisi correttamente.
Consigliamo di fare un’indagine nei gruppi Facebook della vostra zona per capire quali sono i più affidabili ed economici, ed anche quelli che garantiscono di portare effettivamente in discarica il materiale.

3. Pulizia Approfondita

pulizie

Sembra scontato ma è un passaggio obbligatorio. Una volta svuotata completamente la cantina è consigliabile concentrarsi sulle grandi pulizie avendo a disposizione l’ampio spazio sgomberato. Ovviamente il tipo di pulizie dovrà essere correlato al tipo di ambiente e pavimento, qualora fosse una cantina pavimentata. Se avete animali in casa che frequentano anche la cantina, abbiate cura di scegliere un detersivo adatto e compatibile con loro.

4. Verificare le prese di corrente

impianto elettrico


Potrebbe interessarti: Come applicare il correttore, 10 trucchi infallibili per un look perfetto

Altro passaggio, questo, da non tralasciare e che deve esser fatto prima di cominciare a scegliere dove sistemare le varie tipologie di oggetti e/o alimenti che conserverete in cantina. Verificare se e dove sono collocate le prese di corrente in modo da sapere dove andranno collocati eventuali elettrodomestici. Se per esempio avete deciso di realizzare in cantina la vostra lavanderia, sarà fondamentale sapere dove si trovano le prese e che tipo di alimentazione supportano; Se avete scelto che la cantina ospiterà  il vostro angolo per lavori domestici da realizzare con attrezzi che necessitano di alimentazione, allo stesso modo, sceglierete di realizzarlo laddove ci sono già prese posizionate. Anche grazie a questo ulteriore sopralluogo potrete considerare se è necessario acquistare adattatori o multiprese.

5. Disinfestazione

cantine disinfestazione

Le cantine sono spesso i luoghi ideali in cui vivono, sopravvivono e si riproducono. vari tipi di insetti. Su tutti le blatte e gli scarafaggi. Prima di cominciare ad organizzare uno spazio ordinato e vivibile è bene verificare che non ci siano nidi o particolari proliferazioni di questo tipo di animali “fastidiosi”, e valutare se serve richiedere l’intervento di una ditta per disinfestazioni.

6. Organizzare gli Spazi
organizzare cantina

Avendo svolto bene tutti i punti precedenti quello dell’organizzazione degli spazi dovrebbe iniziare ad essere un momento piacevole. Capire come si vuole ordinare lo spazio è fondamentale a questo punto, dopo aver già valutato eventuali spazi lavanderia/lavoro/vini resta da decidere come suddividere le cose che saranno riposte in cantina.
Si consiglia di organizzarsi con una scaffalatura in cui sistemare scatole trasparenti in plastica di diverse misure, e su cui poter scrivere il contenuto:

  • Indumenti/Cambio di Stagione
  • Mare
  • Neve
  • Giochi Bambini
  • Ricordi
  • Attrezzi
  • Scarpe tecniche
  • Cancelleria

Questa lista è adatta sia a single o nuclei famigliari piccoli, che alle famiglie numerose con figli, grandi o piccoli.

7. Deumidificare Gli Ambienti

umidità ambienti

Nel momento in cui i vostri effetti personali saranno sistemati in cantina, abbigliamento compreso, eliminare l’umidità e l’odore di muffa diventa prioritario. Prima di tutto, a poco costo e senza ausilio di altro, potete procurarvi del carbone attivo da usare proprio per eliminare l’odore pregresso di chiuso e umidità.
Potete infine acquistare un deumidificatore, anche di quelli piccoli da armadio, da far lavorare qualche ora al giorno in cantina mentre sistemate, e che con regolarità poi lascerete diversi giorni a settimana anche quando avrete finito tutte le operazioni di riorganizzazione.

8. Ottimizzare L’illuminazione

cantina luci

Un problema spesso sottovalutato in fase di organizzazione è quello dell’illuminazione. La cantina di solito non è dotata di un impianto efficace ed è per definizione buia.
Possiamo aiutarci per ottimizzare al meglio la luce, appendendo degli specchi alle pareti, usando il bianco come colore qualora nel riordino avessimo pensato anche di ridipingere i muri. Infine ricordandoci del nostro sopralluogo sulle prese di corrente, possiamo acquistare delle lampade da tavolo o delle piantane, per illuminare gli spazi in cui avremo bisogno di luce per lavorare, leggere o sistemare le scatole archiviate.

9. Fare una checklist di cosa manca

checklist cantina

Passaggio fondamentale sul finire del lavoro, quando sicuramente staremo vivendo a stretto contatto con la nostra cantina da un pò, per non farsi tradire dalla stanchezza, è di lasciarsi un paio di giorni in cui osservare il lavoro fatto ( e le cose rimaste in casa) compilando una checklist. Questa è un’operazione che possiamo fare sia con carta e penna che sulle note del cellulare.
Spuntando poi di volta in volta quello che abbiamo compensato, avremo ottenuto una fine dei lavori impeccabile.

10. Lasciare Spazio Vuoto

Cantina ordinata

Dopo tutto il lavoro fatto non commettiamo l’ingenuità di lasciare al caso l’ultimo punto, per poi doverci ritrovare con tanta fatica sprecata. Per ogni scompartimento lasciate uno spazio vuoto, in modo che se dovessero arrivare nuovi acquisti in quella stessa categoria, sapremmo dove sistemarli.
Lasciamoci anche uno spazio totalmente vuoto non catalogato per eventuali imprevisti o in caso di necessità di spostare piccoli o grandi elementi d’arredo per eventuali lavori di ristrutturazione in casa.

Ultimo suggerimento: Godetevi il lavoro svolto!