Piastra Ghd e piastra a vapore a confronto

Serena Basciani
  • Giornalista e Content Editor
  • Esperta in Personal Branding

Meglio la piastra ghd o quella a vapore?La stagione estiva è oramai cominciata e in estate per ogni donna, sorge il problema della piega dei capelli. Caldo, umidità, mare, spiaggia e salsedine non ci permettono di lasciare al capello il tempo per mettersi in piega. La scelta dei giusti prodotti, come la piastra per capelli, può essere determinante per andare in vacanza senza rinunciare allo stile per i nostri capelli. Vediamo due delle migliori a confronto.

Piastra Ghd e piastra a vapore a confronto

L’estate, si sa, è croce e delizia per tutte le donne che convivono con capelli crespi, ricci o che mal digeriscono l’umidità. Con il caldo ed il mare frequente, riuscire a gestire il capello liscio è una vera impresa. Tanto dipende dal tipo di prodotti con cui ci aiutiamo nel fare la piega. Sicuramente per le fanatiche del liscio perfetto non può mancare in casa una piastra per capelli.

capelli lisci
Se la tua vecchia piastra non funziona più e sei in procinto di comprarne una nuova, mettiamo a confronto due tra i prodotti migliori sul mercato: la piastra Ghd o piastra a vapore, così da aiutarti a decidere meglio qual’è la migliore per le tue esigenze personali.
Oggi le tecnologie offerte dal mercato sono veramente molte e ancora il mercato di riferimento non finisce di stupirci con prodotti sempre più all’avanguardia che permettono di fare una messa in piega a casa, ma senza danneggiare i nostri capelli.

Piastra per capelli: cos’è e a cosa serve

piastre capelli a confronto


Leggi anche: I 30 migliori Balsamo per capelli, una guida alla scelta

La piastra per capelli serve per cambiare o dare forma ai capelli tramite il calore e può essere utilizzata per diversi scopi. Può servire per lisciare i capelli, per creare ricci o per creare particolari pettinature, come il frisé o le onde. Ovviamente la scelta per un tipo o l’altro di piastra dipende molto dalle nostre preferenze e sul risultato che si vuole ottenere.

messa in piega
Generalmente le piastre per capelli sono alimentate da cavo elettrico e sono realizzate con diversi materiali. Le primissime piastre per capelli erano in alluminio, ma nonostante rappresentarono una vera e propria novità di mercato, tendevano a danneggiare i capelli bruciandoli. Motivo per cui, nel corso degli anni, le varie case di produzione hanno migliorato sempre più i vari modelli ed oggi troviamo in commercio piastre per capelli in ceramica, teflon, tormalina e titanio. Scopriamo brevemente le differenze.

Differenze Tra Piastre in Commercio

Come abbiamo visto, l’alluminio è il primo materiale utilizzato per le piastre, è economico, resistente ma scaldandosi troppo brucia i capelli, rovinandoli. La ceramica è più delicata dell’alluminio sui capelli, poiché il calore il calore sulla superficie si distribuisce in maniera omogenea ed i capelli scivolando al suo interno, rimangono meno in contatto con il calore e di conseguenza non si rovinano. Tuttavia è un materiale molto delicato.

parrucchiere

Il Teflon raggiunge temperature elevate e le mantiene per diverso tempo, al suo interno i capelli scorrono bene e non si danneggiano. Tuttavia molti preferiscono non utilizzare questo materiale, perché sopra i 200° emette gas.
Il titanio è un materiale leggero e molto resistente ed il calore si espande su tutta la superficie. Tra tutti i  materiali è quello più costoso, stiamo parlando della tormalina. E’ resistente, i capelli scorrono facilmente e rilascia ioni negativi che rendono più facile stirare i capelli danneggiati.


Potrebbe interessarti: Le 5 migliori piastre a vapore per capelli: la guida definitiva per scegliere

Piastra per capelli: i modelli

Sul mercato esistono diversi tipi di piastra per capelli. Ci sono quelle munite di timer per l’autospegnimento, quelle dotate di svariati accessori o quelle dove è possibile regolare la temperatura.
Poi ci sono anche altre caratteristiche che rendono i modelli di piastra per capelli notevolmente differenti tra loro. Alcune hanno ad esempio il cavo elettrico abbastanza lungo, il che rende molto più semplice il suo utilizzo. Infine alcuni modelli sono dotate del cosiddetto effetto ionizzante, di cui abbiamo parlato al paragrafo precedente.

Come Scegliere la Piastra per Capelli

scegliere piastra capelli

Quale piastra per capelli scegliere? La prima caratteristica da considerare prima dell’acquisto, è la lunghezza dei capelli. Se sono corti, meglio indirizzare la scelta sulle piastre strette, se sono lunghi è consigliabile scegliere i modelli di piastre lunghe e larghe. Se i capelli sono ricci, optare per un modello di piastra dove è possibile regolare la temperatura, per evitare che si rovinino e si gonfino eccessivamente.

Ghd – Piastra al Vapore Caratteristiche

Prima di fare il confronto tra piastra Ghd o piastra a vapore, scopriamo insieme come funzionano e quali sono le loro caratteristiche principali. La piastra Ghd deve ill suo nome al marchio inglese Ghd, specializzato nella produzione di piastre e strumenti vari di altissima qualità. Questo tipo di piastra è facilissimo da utilizzare. I capelli infatti scorrono facilmente al suo interno ed è possibile avere capelli lisci, setosi e luminosi. Non solo lisci, con la piastra Ghd è possibile creare anche morbide onde. La temperatura rimane costante durante l’intera durata del trattamento ed è pari a 185°C, grazie ai due sensori posti sotto le lamelle. Questa temperatura è perfetta per evitare di disidratare e quindi bruciare i capelli.

Piastra ghd amazon
Prezzo Amazon 187,90

L’ultima novità in campo piastre per capelli, è quella rappresentata dalla piastra a vapore Steam Pod, a marchio L’Oreal. Un tempo utilizzata solo nei saloni professionali, oggi è possibile comprarla ed utilizzarla direttamente a casa. E’ dotata di serbatoio che deve essere riempito con acqua distillata. Durante il suo utilizzo la piastra prende acqua dal serbatoio e lo trasforma in vapore e proprio grazie ad esso i capelli diventano lisci, lucenti e assolutamente senza alcun effetto crespo. La temperatura oscilli tra i 170 e i 210 °C ma non va a toccare il film protettivo dei capelli, mantenendoli quindi idratati.

piastra steam pod
Prezzo Amazon 229,00 euro

Ghd o Piastra al vapore: quale scegliere

Dal confronto appena fatto tra piastra Ghd o piastra al vapore, abbiamo visto come siano entrambi prodotti di altissima qualità, professionali e sicuri. E quindi quale scegliere? La scelta si basa su lievi e piccolissime sfumature.

piastra boccoli

Per chi ha i capelli particolarmente ricci, la scelta deve essere indirizzata alla piastra a vapore. Per capelli fini, entrambe le piastre vanno bene. La piastra Ghd è più facile d utilizzare e quindi indicata per chi non ha particolare dimestichezza con questi piccoli elettrodomestici di styling. Per chi ha capelli rovinati, stressati, frequentemente sottoposti a colorazioni o trattamenti vari, meglio orientarsi sulla piastra a vapore.

piastra doppie punte

Essa infatti non solo non danneggia il capello, ma neanche il film idrolipidico. Inoltre viene spesso utilizzata per particolari trattamenti, che grazie al vapore riescono meglio ad essere assorbiti dal capello. Infine, per chi viaggia spesso e quindi ha necessità di portare con sé la piastra per capelli, meglio optare per quella Ghd, poiché maggiormente maneggevole. La piastra al vapore magari richiede più attenzioni.