Come valorizzare ogni spazio con la luce giusta

-
08/01/2018

Come valorizzare ogni spazio con la luce giusta

La luce è un bene che vale quanto l’oro: senza l’illuminazione l’intera umanità non avrebbe potuto svilupparsi, né creare degli spazi attorno ai quali riunirsi. Sin dalla preistoria e dai falò nelle caverne, la luce ha rappresentato quell’elemento fondamentale per creare convivialità e interazioni sociali: persino il linguaggio stesso si è sviluppato attorno ad un focolare primitivo. Oggi, l’illuminazione continua ad occupare un ruolo fondamentale per i nostri spazi domestici: grazie alle luminarie, infatti, possiamo valorizzare qualsiasi stanza o ambiente. Ognuna di queste zone, però, richiede delle strategie diverse: vediamo insieme come applicarle, in base agli spazi da illuminare.

Zona living e cucina: come illuminarle?

Il soggiorno e la cucina rappresentano due delle aree più frequentate della casa: è qui che si concentra la nostra vita domestica, ed è qui che dobbiamo intervenire immediatamente. Come comporre l’illuminazione di questi spazi? Per quanto riguarda il soggiorno, è importante che la luce non sia troppo forte: è meglio scegliere dei faretti sul soffitto o delle lampade con intensità regolabile, così da adattarle a qualsiasi momento della sera. È altrettanto importante che la luce non si limiti a colpire certe zone e certe no: è sempre meglio che sia diffusa e uniforme, così da creare un’atmosfera votata all’immersione ma non fonte di disturbo. Per la cucina, valgono chiaramente delle regole un po’ diverse: qui la luce dev’essere più forte, specialmente in vani come il lavello e i fornelli.


Leggi anche: Quanto costa viaggio nello spazio

Come illuminare spazi esterni e giardini?

Fra le zone più conviviali e più vissute, oltre al soggiorno e alla cucina, si trovano anche gli spazi esterni come i terrazzi e i giardini. Come intervenire in queste aree della casa? Optando per soluzioni specificatamente progettate per gli esterni, come ad esempio i LED da pavimento oppure i lampioncini verticali. Si tratta di luminarie che, oltre a garantire la giusta luce, arricchiscono gli spazi esterni con un bel tono di design.

Camera da letto e zona lettura: l’illuminazione

Le regole viste per il salotto, anche se solo parzialmente, valgono anche per ambienti più intimi e privati come la camera da letto: qui l’illuminazione deve essere diffusa ma non invasiva, così da creare un comfort visivo perfetto per questa stanza. È importante che sia soffusa, e che sia mirata, quindi è bene installare delle fonti di luce specifiche per zone come il comodino. Per la zona lettura vale lo stesso, identico discorso: mai cedere alla tentazione di abbondare con la luce, perché questo potrebbe far stancare gli occhi. Inoltre, il tono dell’illuminazione dev’essere anche qui dolce e sobrio.