Dove andare in Svizzera per lavoro

-
28/02/2015

Dove andare in Svizzera per lavoro

dove andare in Svizzera per lavoro
Dove andare in Svizzera per lavoro

Per chi desidera trovare migliori opportunità di lavoro in Svizzera e vuole trasferirsi oltralpe, il primo criterio di scelta è senz’altro la lingua italiana, parlata nel Canton Ticino, che è la meta privilegiata dagli italiani.
A Ginevra si parla il francese, mentre per vivere a Zurigo occorre conoscere il tedesco, parlato dalla maggior parte della popolazione svizzera.

 

Dove andare in Svizzera per lavoro?
Le grandi città come Ginevra e Zurigo offrono sicuramente maggiori prospettive di lavoro, oltre a Berna, Basilea, Friburgo e Losanna.
Trovare una casa è indispensabile e la soluzione migliore è affidarsi a una agenzia immobiliare del luogo, mentre on line si può consultare Comparis.


Leggi anche: Dove andare in Svizzera con bambini

Gli affitti degli appartamenti in città sono elevati, mentre sono più accessibili nelle periferie, molto più tranquille e ben collegate ai maggiori centri da puntuali ed efficienti mezzi di trasporto pubblici.

I cittadini dell’Unione Europea possono circolare liberamente in Svizzera; per chi decide di stabilirsi è necessario registrarsi nel Comune di residenza entro 14 giorni dall’ingresso nel Paese. I documenti necessari anche per il passaggio alla dogana sono la carta di identità valida per l’espatrio, un passaporto in corso di validità e il permesso di soggiorno che sarà rilasciato dalla società presso cui si lavora o dal datore di lavoro.

Per i lavoratori è obbligatorio inoltre entro i primi 3 mesi di permanenza stipulare una polizza sanitaria privata, il cui importo varia tra i 150 e i 200 € mensili.
La patente italiana è valida per 12 mesi, ed è necessario tornare a scuola guida per ottenere la patente svizzera, mentre per la carta di circolazione della propria autovettura l’auto va registrata presso l’Ufficio della Circolazione Cantonale.
Se si portano con se oggetti e animali, questi vanno dichiarati: per gli animali le vaccinazioni devono essere in regola con le leggi vigenti nel Paese.