Cesareo Melloni presenza papà

-
22/11/2016

Cesareo Melloni presenza papà

Il momento del parto è per ogni futura mamma un momento felice e nello stesso tempo molto delicato e personale, ecco quindi alcune informazioni in caso di cesareo Melloni presenza papà ed altre indicazioni utili.

All’Ospedale Melloni il pronto soccorso ostetrico è attivo 24 ore su 24 con la presenza di medici specialistici di ostetricia e ginecologia, pediatria, internistica e anestesia. E’ inoltre presente il reparto TIN, terapia intensiva neonatale. La struttura è in grado di affrontare tantissime emergenze come: neonati affetti da grave prematurità; nati di basso peso; nati a termine che necessitano di rianimazione e di ventilazione assistita in sala parto o nelle prime ora di vita; nati affetti da anomalie congenite e sindromi malformative. Il ricovero può anche essere riservato a bambini che hanno subito un intervento operatorio e necessitano di monitoraggio intensivo per le ore successive all’intervento.

Ogni anno vengono assistiti da un’équipe di neonatologi ed infermiere pediatriche altamente specializzate oltre 300 neonati la cui maggior parte sono prematuri di peso ed età molto bassi (<1500 grammi e con età gestazionale fra le 24 e le 32 settimane), e circa il 20% sono neonati nati presso altri centri in cui non possa essere garantita un’assistenza di tipo intensivistico. Il padre del bambino può entrare in reparto ogni volta che vuole e a qualsiasi ora rispettando i momenti di riposo. Può però sostare con la puerpera nelle zone comuni per tutto il tempo che vuole.

Travaglio e Parto:

Possibilità di assumere la posizione che si vuole durante il travaglio: si;
Attrezzature previste nel caso, oltre al letto sgabello, sedia, palla, cuscino, vasca;
Possibilità di assumere la posizione che si vuole durante il parto: si;
Un’unica stanza travaglio/parto (piuttosto che di due stanze separate): 4 sale parto separate e indipendenti una delle quali con la vasca per il parto in acqua;
Numero delle sale parto: 4;
Parto in acqua: si;
Quante e che tipo di vasche: 1 vasca idromassaggio;
Epidurale: si. Richiesti esami preventivi e fatta solo in caso di necessità. In caso di cesareo viene realizzata l’anestesia spinale. La visita anestesiologica è possibile prenotarla intorno alle 37 settimane e gli esami del sangue richiesti non devono risalire e più di 30gg dalla data del parto. Se il bimbo dovesse nascere prima del colloquio previsto con l’anestesista, l’epidurale non si fa;
Presenza del padre in sala parto: si;
Presenza del padre nel caso di parto cesareo: no;
Epoca gestazionale di induzione del parto: 41+3;
Possibilità di effettuare il taglio cesareo “dolce” o con il metodo stark: no;
Possibilità di donare il cordone ombelicale;
Taglio ritardato del cordone ombelicale: si, se richiesto e in caso ci sia la disponibilità di rimanere dentro la sala parto, quindi solo se non ci sono altri parti urgenti da effettuare;
Contatto precoce pelle a pelle: si.


Leggi anche: Cesareo Buzzi presenza papà

Degenza:

Rooming-in: si. Tutte le mamme che hanno avuto un parto naturale e fisiologico hanno diritto ad avere il roming in. Le stanze sono minimo da due puerpere ma con la possibilità di mettere in camera i piccoli. Nel caso venga effettuato un cesareo il rooming in non viene concesso a causa delle difficoltà della puerpera nella gestione del neonato nelle prime 24 ore.
Presenza del padre in stanza: si fino alle 22.00
Giorni di degenza: in caso di parto naturale senza complicazioni, se il bambino nasce entro le ore 14 si calcolano 2 notti di degenza ed al terzo giorno le dimissioni. Se il bambino nasce invece dopo le ore 14, il primo giorno non si conta per cui le notti da trascorrere in ospedale diventano 3. In caso di cesareo è necessaria una notte in più.
Possibilità di essere assistite durante le prime cure al bambino: si
Utilizzo del ciuccio in reparto per prassi: no
L’ospedale fornisce:
-per il neonato: pannolini, garze e medicazioni per il cordone, biberon in caso di allattamento artificiale o di aggiunte
-per la mamma: tiralatte e stanza allattamento con infermiera pediatrica che aiuta e sostiene le neomamme
Da portare in valigia:
-per il neonato: body e tutine (ne richiedono 5) tutto diviso in sacchetti e nominato, una copertina.
-per la mamma: camicia da notte e ciabatte per il travaglio, piagiami e ciabatte per la degenza in ospedale, assorbenti post parto e mutandine garzate, asciugamano viso/ospite, catino
-documenti: analisi gravidanza, carta identità, ecografie, eventuale consenso per epidurale e reliative analisi eseguite presso la struttura


Leggi anche: Cesareo Mangiagalli senza papà