Come rispondere alla domande dei bambini su Babbo Natale

-
21/12/2016

Come rispondere alla domande dei bambini su Babbo Natale

Prima o poi succederà a tutti, dopo anni a raccontare ai propri figli le prodezze che Babbo Natale compie sulla propria slitta per portare i regali a tutti la notte di Natale, un giorno arriva la fatidica domanda “Babbo Natale esiste?”. Vediamo come rispondere alle domande dei bambini su Babbo Natale, seguendo un simpatico schema di domande e risposte.

Se la domanda è: Come fa Babbo Natale, da solo, a consegnare i regali a tutti i bambini del mondo?

“Babbo Natale è velocissimo e le sue renne lo sono ancora di più. Il suo tempo non è come il nostro, il suo tempo è molto più veloce.”Per i più grandi invece si può spiegare che un’ora per Babbo Natale corrisponde ad un giorno per noi, per i bambini il tempo è ancora molto relativo.

Se la domanda è: Perché le renne volano? Io non vedo le ali.

“Bravo è vero che non hanno le ali. Volano perché Babbo Natale le cosparge di polvere magica che le fa volare. Proprio come quella che usa Trilly con Peter Pan.”

Se la domanda è: Ma anche i cani e i gatti ricevono i regali da Babbo Natale?

“Certo che li ricevono, ma la letterina la dobbiamo scrivere noi. Cosa ti piacerebbe che Babbo Natale gli portasse?”

Se la domanda è: Come fa Babbo Natale a non perdersi?

“Babbo Natale ha una bussola speciale, che si illumina non appena passa davanti la casa di un bambino che gli ha spedito la letterina. E allora lui sa che deve fermarsi e consegnare il regalo.”

Se la domanda è:“Se la slitta si rompe? Come li consegna i regali?”

Tranquillo, Babbo Natale non ha solo una slitta. Nel suo garage ci sono 10 slitte ed altrettante renne. Se una slitta si rompe, un piccolo elfo prepara la slitta e cosparge le renne di polvere magica. Babbo Natale ha uno speciale fischio per chiamarle e loro lo raggiungono in un battibaleno.”

Se la domanda è:“Perché non mi porta tutti i giochi che ho scritto sulla letterina?”

Perché gli altri giocattoli vanno ai bambini che non possono scrivere la letterina perché si sono dimenticati. Tu sei stato bravo che l’hai scritta, così fai felice aiuti anche altri bambini.

Se la domanda è: “Perché è vestito sempre uguale?”

Perché quella è la sua divisa. Come la tua divisa della scuola o quella del calcio o quella della danza. Poi lui ne ha tante di divise. Ogni giorno si fa la doccia e ne prende una nuova dall’armadio.

Se la domanda è:“Come fa a leggere le letterine di tutti i bambini?”

Bravo, hai capito che non le può leggere tutte lui. Si fa aiutare dagli elfi, i suoi piccoli aiutanti.

Se la domanda è:“Babbo Natale lavora solo a Natale. Cosa fa il resto dell’anno?”

Durante l’anno Babbo Natale pensa e crea i nuovi giocattoli che sicuramente il prossimo anno tu e tutti i bambini del mondo, chiederete sulle vostre letterine.

E poi arriva lei …

Se la domanda è:“Babbo Natale esiste?”

Babbo Natale esiste per chi crede in lui. Babbo Natale vuole fare felici i bambini e lo fa portando loro dei regali. In cambio dei regali chiede però ai bambini di fare i bravi e di non fare i capricci. Non bisogna per forza vederlo, basta sentirlo qui nel cuore. Babbo Natale è uno spirito magico che vive dentro chiunque crede in lui.

Quando i tuoi amici dicono che Babbo Natale non esiste, è vero. Non è più vero per loro. Se credi che sia vero, come lo credo anch’io, allora lo è.

Se vedete che il bambino inizia a vacillare molto sull’esistenza di Babbo Natale, lo potete far diventare un piccolo aiutante di Babbo Natale. Gli aiutanti di Babbo Natale sono coloro che lo aiutano a riempire le calze e mettere i regali sotto l’albero la notte di Natale, mentre tutti gli altri dormono.