Maneskin: il dramma di Victoria

Anna
  • Esperta in: TV e Gossip
07/12/2021

Durante un’intervista alla nonna di Victoria, la bassista dei Maneskin, i fan hanno scoperto il dramma della ragazza: a soli 15 anni ha visto morire la madre dopo aver vissuto una lunga malattia.

Maneskin: il dramma di Victoria

In pochissimi mesi i Mansekin, band romana che ha conosciuto la popolarità grazie a X-Factor, è divenuta un vero fenomeno mondiale: oltre a conquistare l’Italia vincendo Sanremo, il gruppo è riuscito a trovare i favori del pubblico in tantissimi paesi di tutto il mondo, fino ad arrivare negli Stati Uniti dove, con due dei loro singoli più famosi, hanno superato artisti di primissimo piano della musica internazionale.

I quattro ragazzi, Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio, che si esibivano lungo le strade di Roma, hanno basato il loro successo sulla coesione, sull’essere sempre uniti ed essere credibili (termine amato dai giudici di X-Factor) in ogni momento delle loro performance.

Victoria racconta il suo dramma

Victoria-dei-Maneskin-censura-Solonotizie24

E così l’intervista esclusiva della nonna di Victoria, intervista rilasciata al settimanale DiPiù, ha rivelato un segreto doloroso della bassista del gruppo, una perdita importante avvenuta durante l’adolescenza: queste le parole della nonna riportate anche dall’Huffingtonpost

“Mia nipote Victoria ha sofferto molto, ha visto morire la sua mamma quando aveva 15 anni. Jeanett, mia figlia, quando ha capito che avrebbe perso la battaglia contro il male che la stava consumando chiese di andare in Danimarca. Victoria volle seguirla e le rimase vicino fino alla fine. Per tre mesi ha vegliato sulla sua mamma, per tre mesi le ha tenuto la mano. Fino all’ultimo giorno. Fino a quando le ha detto addio. È stato terribile…Terribile. Mi dispiace tanto che mia figlia Jeanett non abbia potuto vedere il successo che Victoria sta riscuotendo in tutto il mondo insieme con i Maneskin”.

Negli scorsi mesi la ragazza aveva accennato a un passato difficile ma nessuno, fino ad oggi, era a conoscenza di questo dolore.
Un nuovo tassello che testimonia ancor di più il percorso formativo interiore di questa band fatta da quattro anime capaci di fondersi in un sound unico ed emozionante.