Frittata di pasta: ricetta tipica napoletana

Caterina Braccini
  • Esperta in moda, beauty, viaggi e cucina
Frittata di pasta: ricetta tipica napoletana

Sommario Ricetta

La ricetta originale napoletana della frittata di pasta. Un piatto di riciclo preparato con la pasta avanzata, con l'aggiunta di uovo e altri semplici ingredienti. Ecco come si prepara.

Preparazione:
10 minuti
Cottura:
10 minuti
Porzioni:
4 persone

Ingredienti Ricetta

  • Pasta lunga o corta 300 g
  • Uova 4
  • Parmigiano Reggiano 40 g
  • Pancetta dolce o affumicata 60 g
  • Scamorza affumicata 60 g
  • Olio Extravergine di Oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Latte q.b.
  • Pepe q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 210
  • Grassi 8,89 g
  • Grassi saturi 2,65 g
  • Carboidrati 23,54 g
  • Zuccheri 1,35 g
  • Fibre 0,9 g
  • Proteine 8,81 g

Frittata di pasta: ricetta tipica napoletana

Ecco una delle ricette di riciclo più famose, la frittata di pasta. La versione classica prevede l’utilizzo degli spaghetti avanzati o le penne. Un piatto nato dall’esigenza delle famiglie di non buttare la pasta avanzata. Proprio da questo è nata questa ricetta geniale, che riesce a trasformare della pasta vecchia da buttare in una deliziosa frittata con una crosticina croccante deliziosa. La parte importante di questa ricetta è sicuramente la cottura della frittata, che deve essere dapprima a fuoco vivace e poi basso. La nostra versione prevede l’utilizzo di due ingredienti classici come la pancetta e la scamorza affumicata, ma voi potete sperimentarne tanti altri. Come tutte queste ricette tradizionali, ogni famiglia ha la sua versione e sono tutte buonissime! Scopriamo insieme tutti i passaggi da seguire per prepararla.

Come si fa la frittata di pasta

Come si prepara la frittata di pasta

Per preparare una frittata di pasta davvero sfiziosa, seguite questi semplici passaggi:

  1. Partite dalla preparazione della pasta
  2. Scegliete il formato di pasta che preferite, fatelo cuocere e scolatelo molto al dente
  3. Aggiunte un filo di olio e lasciate la pasta da parte
  4. Dedicatevi poi al composto da aggiungere alla pasta
  5. In una ciotola abbastanza capiente aggiungete le uova e il late e sbattete tutto per rendere il composto omogeneo
  6. Aggiungete poi un pizzico di sale, il parmigiano
  7. Infine mettete la pancetta e la scamorza affumicata finemente sminuzzate
  8. Se lo gradite, aggiungete una grattata di pepe
  9. Dopo aver amalgamato tutto, aggiungete al composto la pasta
  10. Mischiate bene e lasciate che la pasta incorpori tutti gli ingredienti
  11. Scaldate una padella abbastanza capiente con abbondante olio a fiamma vivace
  12. Appena caldo versateci il composto e fatelo cuocere per un paio di minuti
  13. Subito dopo abbassate la fiamma e lasciatela cuocere per circa 15 minuti
  14. Passato il tempo, rovesciate la frittata utilizzando un piatto
  15. Fate cuocere l’altro lato della frittata per circa 5 minuti
  16. Mettete la frittata in un piatto
  17. La frittata è buonissima sia appena pronta che fredda.

Come cuocere la frittata di pasta

Consigli per preparare la frittata di pasta

Questa è la versione più classica della frittata di pasta, con pochi ingredienti essenziali. Potete però inserire nel composto della frittata tutto quello che preferite.

Un versione molto golosa prevede di inserire delle fette di scamorza o mozzarella in mezzo alla frittata, versando in padella prima un parte di composto e poi la restante parte. L’effetto sarà una frittata filante!

Alcuni inseriscono nell’impasto anche delle foglioline di basilico, che aggiunge un ottimo profumo al piatto.

Potete anche aggiungere altri tipi di salumi, come prosciutto crudo o cotto.

La scelta del formato di pasta più adatto dipende da voi. La ricetta classica prevede gli spaghetti o le penne. Voi potete scegliere il formato che preferite, purché si presti bene ad essere amalgamata con l’uovo e gli altri ingredienti.

Come si conserva la frittata di pasta

Potete conservare la frittata di pasta in frigorifero, ben chiusa. Così conservata può essere consumata entro 2 giorni.

Per mangiarla, vi consigliamo di scaldarla leggermente in forno per 10 minuti a 150 gradi.