Riso alla cantonese: ricetta originale

Caterina Braccini
  • Esperta in moda, beauty, viaggi e cucina
Riso alla cantonese: ricetta originale

Sommario Ricetta

La ricetta originale del riso alla cantonese. Un tipico riso saltato del ristorante cinese, a base di riso, cubetti di prosciutto cotto, pisellini e uovo sbattuto. Scopri come si prepara.

Preparazione:
10 minuti
Cottura:
25 minuti
Porzioni:
4 persone

Ingredienti Ricetta

  • Riso Ribe 320 g
  • Prosciutto cotto 50 g
  • Pisellini 50 g
  • Uova 2
  • Vino di riso 15 g
  • Olio di semi di girasole q.b.
  • Sale q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 180
  • Grassi 4,65 g
  • Grassi saturi 1,24 g
  • Carboidrati 19,65 g
  • Zuccheri 0,9 g
  • Fibre 0,8 g
  • Proteine 7,35 g
  • Colesterolo 65 mg

Riso alla cantonese: ricetta originale

Ecco una delle ricette più famose del ristorante cinese, il riso alla cantonese. Si tratta del tipico riso saltato con prosciutto cotto, pisellini e uovo. Siccome stiamo parlando di una ricetta cinese, il procedimento potrebbe non essere così intuitivo come per una ricetta nostrana. Per questo motivo vi invitiamo a non trascurare nessun passaggio della ricetta, per ottenere un riso perfetto. Strumento importante per preparare il riso alla cantonese è sicuramente il wok, una padella molto sottile e dalla forma particolare, che è in grado di saltare alla perfezione il riso. Scopriamo come si prepara il riso alla cantonese uguale a quello del ristorante cinese.

Come si prepara il riso cantonese, come quello del ristorante cinese

Per preparare il riso cantonese, seguite questi passaggi:

  1. Dedicatevi per prima cosa al riso


    Leggi anche: Yogurt bowl con riso soffiato e cioccolato, ricetta golosa

  2. Mette il riso in uno scolapasta e sciacquatelo per parecchio tempo sotto l’acqua corrente fredda
  3. Continuate a sciacquarlo fino a che l’acqua che esce dallo scolapasta non sarà trasparente
  4. dopo questo passaggio, spostate il riso in una pentola con acqua
  5. Il livello dell’acqua dovrà essere di circa 2 dita
  6. Coprite con il coperchio la pentola del riso e portate ad ebollizione
  7. Dopo l’ebollizione fate cuocere per altri 3 minuti
  8. Lasciate sempre il coperchio sopra
  9. Dopo i 3 minuti mettete il fuoco al minimo e continuate la cottura per altri 10 minuti
  10. Controllate l’acqua residua, se è terminata, alzate la fiamma un altro paio di minuti per terminare la cottura
  11. Spegnete a questo punto il fuoco e lasciate riposare il riso nella pentola per circa 10 minuti
  12. Passate poi al condimento del riso
  13. Fate bollire in acqua per alcuni minuti i pisellini e poi scolateli, sciacquandoli sotto l’acqua fredda
  14. Fate a cubetti molto piccoli il prosciutto cotto
  15. Sbattete le uova in una ciotolina
  16. Portate il wok a temperatura a fuoco vivo
  17. Aggiungete a questo punto l’olio di semi
  18. Aggiungete le uova e strapazzatele
  19. Mettete il riso e saltatelo con le uova con l’ausilio delle bacchette di legno
  20. Mettete poi il prosciutto e i pisellini
  21. Salate leggermente e aggiungete una spruzzata di vino di riso


    Potrebbe interessarti: Migliori sostituti del riso bianco: 6 idee gustose e facili da preparare

  22. Fate saltare il riso cantonese per altri due minuti, sempre mescolando per amalgamare tutti gli ingredienti
  23. Servite il riso cantonese ancora caldo.

Riso per riso cantonese

Consigli per preparare il riso cantonese

Come da tradizione cinese, noi abbiamo utilizzato il wok per saltare il riso. Nel caso ne foste sprovvisti, potete tranquillamente utilizzare una normale padella a fuoco vivace.

Se volete provare una versione ancora più saporita del riso cantonese, potreste provare ad utilizzare il riso Basmati. Darà al piatto un sapore ancora più orientale.

Una volta compreso la tecnica di cottura del riso e di come saltarlo, potete sperimentare anche tanti altri ingredienti.

Come si prepara il riso cantonese

Come si conserva il riso alla cantonese

Potete conservare il riso alla cantonese in frigorifero, chiuso in un contenitore adatto. Così conservato, può essere consumato entro 2 giorni.