Borghi più belli dell'Abruzzo

-
02/03/2015

Borghi più belli dell'Abruzzo

Borghi più belli d'Abruzzo
Borghi più belli d’Abruzzo

L’Abruzzo si trova al secondo posto tra le regioni d’Italia con il più alto numero di borghi, la maggior parte risalenti all’età medievale, circondati da mura difensive, vecchie porte d´accesso, castelli, torri e rocche.
Anversa degli Abruzzi è un meraviglioso borgo sulle Gole del fiume Sagittario, a 600 metri d´altezza.
Nata già durante l´età del bronzo, come confermano le necropoli rinvenute, ha vissuto il suo momento di massimo splendore nel periodo medievale, come testimoniano i resti dell´antico castello Normanno eretto nel 12 secolo, attorno al quale sorgeva il centro abitato. Da non perdere un assaggio alla gastronomia locale con i quagliatelli e fagioli, e le pizzelle.
Castel del Monte, immerso nel Parco Nazionale del Gran Sasso, con i suoi 1346 metri è tra i Comuni più alti d’Abruzzo. Un borgo fatto di casette addossate che creavano una schiera continua a difesa di tutto l’abitato dagli attacchi dei barbari, stradine, archi e scalinate. Da visitare è il Ricetto, il villaggio originario, dove si ergeva il cortile del castello e la torre. Consigliamo anche di provare un piatto dei tipici strangolapreti fatti in casa.
Pescocostanzo è il borgo meglio conservato di tutto il Parco della Majella, importante in tutto il mondo per la straordinaria quantità di beni artistici risalenti all’epoca rinascimentale e barocca quali antiche chiese, magnifici palazzi signorili, spesso adornati da bellissimi portali in stile barocco e eleganti ringhiere in ferro battuto, ma anche per la lavorazione del merletto a tombolo, e della filigrana. In inverno si trasforma in una attrezzata e frequentata località sciistica.
Castelli, paese situato nel Parco del Gran Sasso-Laga, è celebre per le tipiche ceramiche, conosciute in tutta Europa, arte nata grazie ai monaci benedettini, che mescolarono acqua e argilla, abbondantemente presente nel territorio. Da non perdere quindi è una visita in una delle tante botteghe dove tutt’ora si producono e si vendono manufatti in ceramica, ed alla cappella di San Donato, il cui soffitto è completamente coperto da 780 piastrelle votive, tanto da essere definita la Cappella Sistina d’Abruzzo.


Leggi anche: Borghi più belli dell'Umbria