Cosa fare e vedere a Bordeaux: 10 attrazioni imperdibili

Noemi Iovino
  • Dott. in Scienze della Comunicazione

Quali sono le attrazioni di Bordeaux da visitare assolutamente? Dove andare per vivere un'esperienza indimenticabile nella Città del vino? Ecco la top 10 dei luoghi più belli del comune francese, dai musei agli edifici religiosi, passando per gli splendidi monumenti storici

Cosa fare e vedere a Bordeaux: 10 attrazioni imperdibili

Bordeaux è un gioiello della regione dell’Aquitania, capoluogo del dipartimento della Gironda. Chiamato anche “la città del vino”, questo comune della Francia sud-occidentale vanta meravigliose opere architettoniche e una miriade di centri culturali: il tutto immerso nello splendido paesaggio dei vigneti.

Se volessimo descriverla con poche parole potremmo dire che Bordeaux è una terra raffinata ed accogliente allo stesso tempo. Le maestose opere architettoniche sono il risultato sublime di un’arte armoniosa e attenta al più piccolo dettaglio. La Cattedrale di Sant’Andrea, il Grande Teatro, la Basilica di san Michele sono solo alcune delle imponenti opere che catturano lo sguardo del turista e lo trattengono a mezz’aria. E se la mano dell’uomo ha saputo creare strutture che si sposano perfettamente con il panorama circostante, quasi fossero delle gemme preziose incastonate in un monile molto più grande, anche la natura non si è risparmiata i suoi colpi da maestro.

Lungofiume della Garonne a Bordeaux

La lunga passeggiata che costeggia il fiume della Garonna è il luogo più romantico per una gita in bicicletta o una sosta ai migliori ristoranti della zona, assaporando una cena a base di pesce e di vino: le punte di diamante del paese. Ma se volete cogliere la vera essenza dello stile di vita di Bordeaux, così edonistico e rilassato, dovrete visitare la regione vinicola che si sviluppa sulle colline limitrofe e, magari, abbandonarvi alla tentazione di un aperitivo al tramonto.

le Miroir d'eau
Place de la Bourse

Relax non è sinonimo di noia, nemmeno a Bordeaux. La movida è più vivace che mai, grazie alle numerose discoteche, ai locali notturni e all’allegria degli artisti di strada. Neanche lo shopping viene trascurato, tanto che a Bordeaux avrete l’imbarazzo della scelta tra colorati mercatini, outlet e negozi firmati. Per finire, gli eventi: festival musicali, fiere e spettacoli di ogni sorta completano l’esperienza a Bordeaux. Un’esperienza completa tra arte, divertimento, natura e squisite degustazioni, che vi saprà soddisfare anche con pochi giorni a disposizione.


Leggi anche: 10 città europee da visitare assolutamente a Natale

Bordeaux, 10 luoghi da non perdere

Da un lato il centro storico (dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità) con i suoi capolavori artistici. Dall’altro i parchi verdi, le piazzette, i bistrot e i locali. Ma come orientarci? Cosa vale davvero la pena vedere?

Innanzitutto sappiate che, grazie ad un’efficiente rete di trasporti pubblici, non faticherete a spostarvi da un luogo all’altro, tanto che probabilmente vi ritroverete a pianificare una visita anche a Parigi!

Vi proponiamo intanto 10 luoghi assolutamente da non perdere a Bordeaux, la città portuale a poca distanza dall’Oceano Atlantico e dalla Dune du Pilat, la duna più alta d’Europa.

1. Place de la Bourse, la piazza specchiata

Place de la Bourse notturna

Place de la Bourse è una delle piazze più belle del mondo e, già osservandola da lontano, capirete il perché. Realizzata nel XVIII secolo in pieno centro storico, nel quartiere di Saint Pierre, la piazza ebbe fin da subito il compito di celebrare la bellezza di Bordeaux e consegnarla ai turisti in un unico colpo d’occhio. A circondare la piazza ci sono infatti i “pezzi grossi” del paese. Stiamo parlando del Palais de la Bourse, oggi la Camera di Commercio, e dell’edificio che ospita la Direzione delle dogane e il Museo Nazionale delle Dogane. La piazza, perfettamente simmetrica, è stata all’epoca ideata con il preciso scopo di esaltare la potenza della dinastia reale francese e merita una visita solo per la sua bellezza. Tuttavia, nei primi anni del 2000, è stata arricchita da un particolare che l’ha resa unica.

Questi capolavori dell’architettura, ornati da bellissimi frontoni, sono infatti valorizzati da uno specchio d’acqua (le Miroir d’eau) costruito nel 2006 tra la piazza e il fiume, che li riflette in un bellissimo gioco di luci. Con la sua superficie di oltre 3.400 m², le Miroir d’eau è lo specchio d’acqua artificiale più grande del mondo: quando i getti sono in funzione, il pavimento della piazza si ricopre di un sottile strato d’acqua in grado di specchiare il cielo e gli edifici circostanti, creando uno spettacolo da cartolina. Gli stessi spruzzi d’acqua che inondano la piazza possono anche vaporizzare l’acqua creando delle piccole nuvolette di vapore, divertendo (e, nelle giornate più calde, rinfrescando) tutti coloro che si ritrovano a passare per la piazza.

La fontana delle tre grazie, Piazza della Borsa
La Fontana delle tre Grazie

Se volete godere di questo raro spettacolo di ingegneria, evitate di visitare Bordeaux d’inverno, poiché durante la stagione più fredda l’impianto è spento. Inoltre, se vi recate a Place de la Bourse, fate un salto al lungofiume (che vi si trova proprio di fronte) e all’adiacente Jardin des lumières. Non dimenticatevi di ammirare la bellissima fontana delle Tre Grazie, al centro della piazza, che riproduce Eufrosine, Aglaia e Talia. È importante, sottolineare, infine, che la piazza si può attraversare solo a piedi nudi.


Potrebbe interessarti: Le 7 città più belle da vedere in Belgio

2. Gran Theatre, dove l’arte incontra la musica

Gran Teatro di Bordeaux

Partendo da Piazza della Borsa, potrete raggiungere facilmente un luogo d’altri tempi, maestoso e incredibilmente dinamico, elegante ma anche vicino alla gente comune. Stiamo parlando del meraviglioso Gran Teatro, noto anche come Opera National de Bordeaux, che si affaccia sulla piazza della Comédie. Lo noterete fin da lontano per via delle dodici colonne che si ergono di fronte alla facciata. Alzando ancora di più lo sguardo, vedrete che ogni colonna è sormontata da una statua di una musa o una dea: un bellissimo omaggio che l’architettura ha voluto dedicare all’arte, grande protagonista del teatro.

La bellezza del teatro, per il quale dobbiamo ringraziare l’architetto Victor Louis, continua a stupire i visitatori anche all’interno. Il bellissimo salone, per esempio, è dominato dall’oro: il colore delle balconate e delle colonne. L’oro, insieme al bianco e al blu, impreziosisce con splendidi affreschi anche la cupola circolare e rende lo spazio regale e sontuoso. Tutto questo fa da cornice a saggi di danza, concerti di musica lirica, jazz e sinfonica e diversi spettacoli durante tutto l’anno.

Se visitate Bordeaux non potete quindi rinunciare alla magia di questo luogo, che fin dal 1780 incanta il pubblico con le sue rappresentazioni di altissima qualità. E pensate che in questo luogo arte e storia si fondono insieme: proprio nel teatro, infatti, si riunì in passato l’Assemblea Nazionale quando, in alcune occasioni, Parigi venne sostituita da Bordeaux come capitale della Francia.

3. Cattedrale di Sant’Andrea, una bellezza verticale

Cattedrale di Sant'Andrea a Bordeaux

Un’altra attrazione da non perdere è la Cattedrale di Sant’Andrea, scelta da membri di alto rango per officiare il proprio matrimonio: qui si sposò, per fare un esempio, Eleonora d’Aquitania. A Bordeaux, neanche gli edifici religiosi si sottraggono ad un’architettura sfarzosa, ricca di decorazioni che lasciano a bocca aperta. Questo monumento, fatto costruire nel 1096 da Papa Urbano II ma edificato nel corso di più secoli, è a dir poco imponente e sembra “prolungarsi” nello spazio circostante con le sue cinque cappelle. L’esterno della Cattedrale vi stupirà per le altissime guglie gotiche, mentre l’interno è impreziosito dai bellissimi giochi di luce creati dalle vetrate colorate.

Visitando l’interno potrete ammirare alcuni preziosi dipinti (anche di artisti italiani) e un antico orologio astronomico. Se invece volete dare un tocco in più alla vostra esperienza, in grado di dare una vera e propria svolta alla visita, dovrete salire in cima alla Tour Pey-Berland, una torre risalente al XV secolo che si trova accanto all’edificio. Qui, dopo 231 scalini, potrete ammirare dall’alto il panorama della Città.

Un elemento che la Cattedrale condivide con il Gran Teatro è l’amore per la musica: nella chiesa potrete assistere dal vivo a un concerto di organi o altre manifestazioni musicali. D’estate, per esempio, l’edificio religioso è animato dal Festival International d’Orgue, uno degli eventi musicali più importanti della Francia. Per finire, la Cattedrale è una tappa del Cammino di Santiago: motivo in più per visitarla!

4. Rue Sainte-Catherine, la via dello shopping più lunga d’Europa

La via dello shopping a Bordeaux

Bordeaux, lo dicevamo, non è solo arte e cultura ma anche shopping. E quale luogo migliore per dedicarsi a qualche ora di acquisti sfrenati se non Rue Sainte Catherine, la via dei negozi più lunga d’Europa? Per tutta la lunghezza di 1,2 km, la strada è costeggiata da negozi, ristoranti, centri commerciali e piccoli bistrot.

Se vorrete visitarla, preparatevi a camminare molto poiché nell’intera strada non possono circolare veicoli. Se poi volete godervela in tutta tranquillità, senza dover sgomitare tra la folla, evitate i weekend o il periodo di Natale. Tenuti a mente questi piccoli accorgimenti, preparatevi ad entrare nei suoi oltre 200 negozi alla ricerca del regalo perfetto o di un ricordo da portare a casa: ce ne è per tutti i gusti e per tutte le tasche, dall’oggetto più lussuoso al capo d’abbigliamento più economico. Alle due estremità di Rue Sainte-Catherine troverete ad aspettarvi due bellissime piazze: Place de la Comedie (la piazza del Gran Teatro) e Palace de la Victoire.

5. Museo d’Aquitania, dalla preistoria ai giorni nostri

Museo d'Aquitania a Bordeaux

Il Museo d’Aquitania, che troverete a Cours Pasteur, è una perla da non lasciarsi sfuggire se volete davvero comprendere il luogo che state visitando. Vagando per le sue sale ed osservando le sculture, i reperti e i preziosi documenti qui conservati potrete avere una visione molto più completa su cosa è Bordeaux, come è nata la città e come si è evoluta nel corso dei millenni.

Sì, millenni. Questo perché il Museo racconta la storia di Bordeaux fin dalla preistoria, passando per il Medioevo e arrivando all’attualità. Il centro non ha nulla di statico ma, al contrario, si presenta interattivo, dinamico e a completa disposizione di turisti, cittadini e studenti che vogliono approfondire alcuni aspetti del lungo percorso di Bordeaux. Oltre alla semplice visita, il Museo d’Aquitania propone infatti conferenze, concerti, laboratori e convegni, con oggetti di interesse che spaziano tra storia, archeologia ed etnografia.

Mentre vi aggirate per il Museo, in passato sede della facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Bordeaux, cercate reperti antichissimi come la Venere di Laussel  e il tesoro di Pauilhac e tutte le testimonianze riguardo la tratta degli schiavi, nella quale Bordeaux ha giocato un ruolo fondamentale. Non perdetevi inoltre il Centro Jean Moulin, che raccoglie preziose testimonianze sulla Seconda Guerra Mondiale e sul duro periodo della Deportazione e della Resistenza.

Per rimanere in tema, un altro museo che dovrete assolutamente visitare è il bellissimo Museo delle Belle Arti, a poca distanza dal Museo d’Aquitania. Qui potrete ammirare opere più recenti ma altrettanto stupefacenti, tra cui alcuni dipinti dell’arte fiamminga. E non faticherete a riconoscere opere di altro pregio come quelle di Matisse, Renoir e Delacroix ma anche Tiziano, Perugino e Paolo Veronese.

6. Porta Cailhau e Porta della Grosse-Cloche, i due varchi della città

La porta medievale di Bordeaux
Porta Cailhau

A Bordeaux niente è lasciato al caso: ogni cosa è un piccolo capolavoro in grado di catturare l’attenzione e strapparvi una fotografia. In questa città persino le porte vi lasceranno di stucco!

Se non ci credete, aspettate di vedere la bellissima Porte Cailhau, antico ingresso della città vicinissimo a via Sainte Catherine. È una porta edificata nel Medioevo, precisamente nel 1494, allo scopo di difendere Bordeaux. Con le bellissime torrette a punta che la sovrastano e la sua altezza di 35 metri può essere facilmente scambiata per l’ingresso di un castello. Passateci attraverso ma anche…dentro! Le sale ai piani superiori accolgono una mostra sui materiali di costruzione della città e offrono una bellissima vista sul Ponte di Pietra.

Quello che invece resta da chiarire è l’origine del suo nome: per alcuni Cailhau sta per “pietra” e fa quindi riferimento al materiale da costruzione, per altri è il cognome di un’importante famiglia di Bordeaux.

Torre-campanile di Bordeaux
Porta Grosse Cloche

Un’altra porta che vi lascerà senza parole per la sua bellezza è la porta Grosse Cloche: il simbolo, insieme alla porta Cailhau, della città di Bordeaux. Si tratta della torre dell’antico municipio, ornata da un bellissimo orologio. Ma non è finita qui: Grosse Cloche, oltre ad essere una porta e una torre è anche un campanile: potrete sentire le campane suonare in giorni particolari (ad esempio il Capodanno, il 14 luglio, la Festa dei lavoratori e la ricorrenza della fine della Prima Guerra Mondiale) e ogni prima domenica del mese. In realtà la porta, la torre del palazzo comunale e il campanile furono costruiti in periodi diversi; insieme, però, creano uno spettacolo incantevole.

Non limitatevi ad osservala da fuori: potrete salire in cima al campanile e visitare la parte interna della torre, un tempo usata come prigione per chi non rispettava il coprifuoco.

7. Il ponte di pietra, una vista spettacolare su Bordeaux

Ponte di pietra a Bordeaux

Arriviamo ora al Ponte di pietra, realizzato nel 1822: impossibile non notarlo se passate per Bordeaux! Oltre ad essere un’attrazione di per sé, da fotografare alle luci del tramonto, è anche uno dei punti migliori per godere di una vista spettacolare sull’intera città. Dal ponte, tanto per fare un esempio, potrete ammirare gli edifici più alti di Bordeaux (come la Basilica di San Michele) e decidere quale visitare per primo.

Mentre lo percorrete in tutta la sua lunghezza (circa 500 metri) cercate di immaginare la sua importanza: per tanto tempo, infatti, è stato l’unico collegamento tra le due sponde del fiume Garonna.

Un consiglio, una volta oltrepassato il ponte, è quello di visitare immediatamente il Museo d’Aquitania e la Cattedrale di Sant’Andrea, per via della loro vicinanza. Non dimenticate, poi, di tornarci di sera: i lampioni accesi illuminano le arcate del ponte e creano un’atmosfera romantica e suggestiva.

8. La Basilica di San Michele e la sua torre che tocca il cielo

Torre della Basilica di San Michele a Bordeaux

Dal Ponte di Pietra la prima cosa che noterete è la Basilica di San Michele, o meglio, la sua altissima torre campanaria. Anche questo bellissimo edificio gotico è inserito nel cammino di Santiago di Compostela ed è una tappa obbligata per chi vuole visitare Bordeaux. La Basilica è stata costruita tra il XIV e il XVI secolo e i suoi tesori sono uno più prezioso dell’altro. Nella cripta sotterranea potete visitare un’interessante mostra sulla storia di alcuni cadaveri imbalsamati, conservati proprio qui fino a pochi decenni fa. Dell’interno della chiesa vi colpirà invece il pulpito che raffigura San Michele durante l’uccisione di un drago e lo strano gioco di colori creato dalle finestre.

Per finire, la torre. È interessante precisare che la torre non è annessa alla basilica ma si trova accanto alla struttura principale: per visitarla dovrete quindi uscire dalla Basilica. Con la sua altezza di 114 metri, sembra elevarsi dalle fondamenta della città fino a toccare il cielo. Inutile dire, quindi, che la sua cima è il punto panoramico più bello di tutta Bordeaux.

9. Le cité du vin, il regno del vino

la Città del vino a Bordeaux

Bordeaux è ricca di monumenti storici, musei, opere artistiche ed architettoniche di grande valore. Ma il suo simbolo per eccellenza non può che essere uno: il vino. Bordeaux è infatti famosa per i suoi vigneti e per la produzione di vini di alta qualità. Come lasciarsi sfuggire, allora, una visita alla Cité du vin, un grandissimo polo museale interamente dedicato alla tradizione vinicola?

Aperta nel 2016, questa struttura dalla forma molto particolare è un luogo accessibile e moderno. Qualcosa di incredibilmente diverso da tutto ciò che abbiamo menzionato finora! Varcata la porta d’ingresso avrete circa 3000 metri quadri da esplorare uno ad uno, per apprendere tutto ciò che non sapevate sul vino.

Potrete scegliere tra diversi percorsi tematici, esperienze sensoriali, videoproiezioni, spettacoli e (ciliegina sulla torta) degustazioni di vini, anche quelli di altri paesi del mondo. Non manca l’aspetto didattico (è possibile, per esempio, partecipare ad alcuni laboratori e visitare le mostre temporanee) e quello commerciale: potrete infatti recarvi in un negozio e portare a casa il vostro bottino.

Le esperienze assolutamente da non perdere all’interno di questo luogo straordinario sono due: l’accesso ai giardini e una sosta a uno dei ristoranti per assaggiare il delizioso vino di Bordeaux. Il tutto con una bellissima vista panoramica.

10. Il Porto della Luna e il lungofiume della Garonna

Il Porto della Luna, Bordeaux

Dopo aver visitato tutte le attrazioni di Bordeaux non vi resta che rilassarvi. Vi consigliamo di farlo nei pressi del fiume Garonna, elemento essenziale del panorama di Bordeaux. Passeggiando sul lungofiume e aggirandovi nel Porto della Luna (non dimentichiamo, infatti, l’importanza di Bordeaux in quanto scalo portuale), potrete concedervi una lenta passeggiata in bicicletta o a piedi e assaggiare un delizioso aperitivo.

Se invece volete assaggiare le specialità tipiche della città in uno dei ristoranti, sappiate che sul lungofiume avrete una vasta gamma di locali tra cui scegliere. Molti di essi si trovano a bordo di una barca! Potrete così navigare le acqua del fiume e godervi il paesaggio fluviale tra una portata e l’altra.

Bordeaux è il mix perfetto tra la tradizione, rappresentata dai monumenti più emblematici, e l’innovazione. Le idee geniali degli imprenditori della città sono talmente tante che non saprete quale scegliere. Tra i ristoranti più singolari, per fare un esempio, c’è una casa galleggiante e uno spazio dove poter mangiare direttamente seduti sulla sabbia. Prima di lasciare Bordeaux, non dimenticate di vivere almeno una delle magiche esperienze che offre!