Cosa vedere a Fez 3 giorni

-
12/06/2015

Cosa vedere a Fez 3 giorni

cosa vedere a Fez 3 giorni
Cosa vedere a Fez 3 giorni

Per un week end  suggestivo da vivere in Marocco immersi nel fascino particolare dell’antica città imperiale, ecco cosa vedere a Fez 3 giorni.

Fès el Bali, la Medina di Fez, è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità ed è la città fortificata meglio conservata e più grande del mondo islamico. Dalla porta Bab Boujeloud, decorata da splendide maioliche verdi e blu, ci si può addentrare nel fitto dedalo di stradine e attraversare il mercato della frutta e quello delle carni.

Le viuzze del centro consentono il passaggio di due sole persone o di un mulo o un asino, l’unico mezzo di trasporto utilizzabile nel dedalo di stradine, il cui passaggio è annunciato, con l’avvertimento di appiattirsi al muro, al grido di: “Beleck!”.


Leggi anche: Cosa vedere a Praga in 2 giorni

Proseguendo attraverso la Medina tra bancarelle, forni, negozi e fontane potremo raggiungere l’antica scuola coranica Medersea Bou Inania e l’orologio idraulico. Sono circa 350 gli edifici religiosi presenti a Fez, alcuni dei quali aperti ai non musulmani e visitabili. Da non perdere la Moschea Karaouine, il Museo di Dar Batha e il Museo Borj – Nord. Altro punto di interesse sono le concerie di Fez: Showara è la principale, suddivisa in due aree con vasche per trattamento delle pelli grezze e per la tintura delle pelli.

A Fès-Jdid o nuova Fez, sede della Mellah, il quartiere ebraico, possiamo ammirare il Palazzo reale con i suoi portoni in ottone dorato circondati dalle tipiche piastrelle marocchine, le zellij: il Palazzo non è accessibile, così come la moschea Karaouiyine, una delle più imponenti del Marocco che ospita la più antica università del mondo, di cui è possibile ammirare l’interno solo dalle porte di ingresso.

Per concludere il week end a Fez e prima della partenza si possono visitare il sito archeologico delle Tombe Merenid con il loro lo stupendo panorama sulla città vecchia e, allontanandosi dalla instancabile attività della Medina, raggiungere fuori città il paradiso naturalistico dei Jardine Majorelle.