Cosa vedere in 2 settimane in Perù

-
11/05/2016

Cosa vedere in 2 settimane in Perù

Come ogni altra nazione, il Perù richiede che i turisti passino molto tempo a esplorare le sue meraviglie. Ma quando il tempo della vostra vacanza è limitato, come succede per la maggior parte di noi, 2 settimane in Perù sono sufficienti per vedere i luoghi principali di questo Paese sudamericano. Potete andare dalla sofisticatezza di Lima alle antiche rovine degli Inca sulle montagne delle Ande. Una cosa che dovete ricordare quando visitate questo affascinante Paese è: quando viaggiate nell’entroterra assicuratevi di adattarvi all’altitudine elevata.

Lima (2 notti)

Lima

Essendo la capitale del Perù, Lima è il posto perfetto da cui iniziare il vostro itinerario peruviano. Lima è più elegante ora di quanto lo fosse qualche decennio fa e dà molta importanza all’arte e alla cucina. Lima ha diverse spiagge meravigliose, con moltissimi ristoranti di pesce. Il piatto ceviche a base di gamberi è assolutamente da provare. Bruciate le calorie passeggiando o facendo jogging a El Malecon, una passeggiata a Miraflores, un distretto sul mare con bellissimi parchi. Il Museo Larco dovrebbe essere una delle vostre prime tappe perché racconta la storia del Paese a partire da 10.000 anni fa. Girate per le strade della città vecchia, famosa per essere una delle più belle del Sud America. La Cattedrale di Lima è assolutamente da vedere.


Leggi anche: Cosa vedere in Germania in 2 settimane

Paracas (1 notte)

Paracas

Quando è ora di scambiare l’osservazione delle persone a Lima con un po’ di osservazione degli uccelli, Paracas è imbattibile, una riserva naturale a sud della città. Miscuglio tra deserto e spiaggia, Paracas ospita milioni di uccelli tutto l’anno come anche migliaia di uccelli migratori che si fermano qui sulla via per le altre destinazioni. Paracas è una buona introduzione alla cultura pre-Inca, con le sue popolazioni antiche ammirate per la loro abilità nella tessitura. Oltre ai bellissimi fenicotteri, non dimenticatevi di visitare la necropoli e altre rovine che costituiscono i cimiteri per queste popolazioni indigene. Un’altra cosa assolutamente da vedere è il geoglifo del Candelabro inciso nella sabbia.

Huacachina (2 notti)

Huacachina

Huacachina sembra essere stata trapiantata dal deserto africano. È un’oasi mozzafiato al centro delle dune di sabbia peruviane, dove è il clima è considerato uno dei più secchi del mondo. Questa comunità dell’oasi di meno di 100 abitanti ha la sua base intorno alla laguna costeggiata da palme che, una volta, si credeva avesse poteri di guarigione. Situata nel sudest del Perù, Huacachina è popolare tra gli amanti dell’aria aperta a cui piace fare sandboarding o guidare una duggy nel deserto.

Nazca (sosta)

Nazca

Nazca è una sosta eccellente sulla strada da Huacachina a Arequipa. Come prima di loro quelli di Paraca, anche gli abitanti di Nazca erano famosi per i tessuti. Più significativamente, erano famosi per aver creato i geoglifi o forme geometriche, disegni immensi e linee che si estendono per miglia e miglia nel deserto. Le Linee di Nazca prendono il nome dalla popolazione che le creò 2.000 anni fa. Nonostante i tanti studi, i ricercatori non riescono a giungere alla conclusione del perché questa antica popolazione abbia creato queste linee, ma tra le loro teorie è compresa quella secondo la quale potrebbero essere state usate per scopi astrologici o cerimoniali. Il modo migliore per vedere le linee è fare un breve tour in volo. Ma c’è anche una torre di osservazione lungo l’autostrada Panamericana con panorama sulle tre figure.


Potrebbe interessarti: Cosa vedere in Thailandia in 2 settimane

Arequipa (3 notti)

Arequipa

Benché molto più piccola di Lima, Arequipa è la seconda città per grandezza del Perù. Circondata da tre vulcani, questa città soggetta a terremoti è, tuttavia, famosa quando si parla di cucina. Vorrete sicuramente provare un piatto piccante farcito con peperoni rossi chiamato rocoto relleno. La zona è stata abitata per quasi 10.000 anni, ma la città in sé non fu fondata fino al 1540 dai conquistatori spagnoli. È pieno di templi ed edifici coloniali, di solito fatti dalla cenere bianca dei vulcani, che le dà il soprannome di “Città Bianca”. Il centro storico è un incontro della cultura nativa con le influenze europee. Da visitare assolutamente, il Monasterio de Santa Catalina de Siena, che è uno degli edifici coloniali più religiosi del Perù.

Canyon Colca (viaggio di un giorno da Arequipa)

Canyon Colca

Il Grand Canyon degli Stati Uniti non sembra così imponente se si confronta con il Canyon Colca. Questo perché il Canyon Colca è profondo più del doppio della meraviglia dell’Arizona. Il Canyon Colca è la terza attrazione più visitata del Perù; si può raggiungere facilmente con un viaggio di un giorno da Arequipa, circa cento miglia. È un buon posto per vedere il condor in via di estinzione volare in tutta la sua maestosità; il Canyon Colca è anche casa, tra gli altri animali selvatici, del colibrì gigante. Un’altra attrazione è quella di vedere le terrazze a gradini delle fattorie degli abitanti come facevano ai tempi pre-Inca. Mollepunko, con la sua arte delle caverne di 6.000 anni fa, è un’importante sito archeologico da vedere.

Puno (2 notti)

Puno

La città di Puno è situata sulle rive del leggendario Lago Titicaca, il lago navigabile a fini commerciali più in alto del mondo, nel Perù meridionale vicino ai confini con la Bolivia. Secondo la leggenda locale, il primo Inca sorse dalle acque del lago per fondare una delle culture indigene più importanti del Sud America. Isla Taquille è da visitare assolutamente; l’isola è famosa per i lavori a maglia e i tessuti che gli aitanti fanno da migliaia di anni. Le attrazioni principali del Lago Titicaca comunque sono le isole Uros. Queste isole sono fatte di canne essiccate, di cui sono fatte anche le case e le barche degli abitanti. Puno è nota in tutto il Paese come la capitale del folklore del Perù per la sua ricchezza di artisti, artigiani e ballerini. La regione è conosciuta anche per l’allevamento di lama e alpaca.

Cusco (3 notti)

Cusco

Cusco fu il cuore e l’anima dell’Impero Inca. Poi arrivarono i conquistatori spagnoli, che distrussero questa antica cultura e inviarono tutte le sue ricchezze in Spagna. A causa della sua storia, è una delle città più visitate del Perù. Il suo centro storico è un buon posto da cui partire per vedere gli edifici spagnoli posti sopra le rovine native. La Plaza de Armas è la piazza principale in cui si può assorbire il sapore storico. Date un’occhiata al mercato di San Pedro, pieno di clienti peruviani. I malesseri dovuti all’altitudine possono essere un problema, quindi abituatevi.

Machu Picchu (giorno di un viaggio da Cusco)

Macchu Picchu

Machu Picchu è una delle più grandi meraviglie dell’architettura mondiale antica, che raggiunge i livelli di Stonenhenge e delle Piramidi d’Egitto. La città, sulle montagne delle Ande, è il simbolo principale della grande civiltà degli Inca. Probabilmente era una tenuta reale o un sito religioso; non è ancora stato determinato con certezza. Comunque, ciò che è sicuramente è qualcosa di fenomenale. Preparatevi a salire molte scale durante il vostro viaggio di un giorno da Cusco – ci sono più di 3.000 scalini sparsi per più di 5 miglia. Fermatevi per vedere il tramonto su questo villaggio di pietra; è spettacolare.

La Valle Sacra (viaggio di un giorno da Cusco)

La valle sacra

La Valle Sacra è un buon posto per vedere altre rovine Inca, comprese le statue e le sculture sui tetti che oggi identificano gli abitanti di quei palazzi come cristiani. Anche se era piena di rovine degli Inca, la Valle Sacra non era considerata parte dell’Impero Inca, ma piuttosto una proprietà personale dell’Imperatore. La valle regionale comprende Ollantaytambo, una delle ultime città degli Inca a cadere per mano spagnola; è degna di nota per i suoi edifici di pietra finemente lavorata. Pisacs ha altre rovine e un mercato settimanale colorato.

Lima (1 notte)

Lima

Passate il tempo restante delle vostre 2 settimane in Perù visitando i posti che non avete avuto tempo di vedere quando avete iniziato il vostro viaggio peruviano. Passate del tempo a girare per l’artistico quartiere di Barranco, un ex resort conosciuto per le sue gallerie d’arte. E non pensate neanche di lasciare Lima senza aver visitato il Parque de la Reserva, con il suo “tour dell’acqua magica” che comprende 13 fontane; è il parco con più fontane al mondo. Se ve lo siete persi la prima volta o se volete passare altro tempo lì, questo è un buon momento per dirigervi verso il centro storico per vedere Plaza Mayor, il posto in cui Lima è nata.