Cosa vedere in Belgio: top 10

-
21/09/2016

Cosa vedere in Belgio: top 10

Anche se il Belgio è solo un piccolo paese dell’Europa occidentale, racchiude tanta storia all’interno dei suoi confini, come i cavalieri che hanno combattuto le crociate e il luogo in cui Napoleone ha incontrato la sua Waterloo e che ha risentito degli effetti della prima e seconda guerra mondiale. Essendo così piccolo, i turisti potranno vedere quasi tutte le attrazioni semplicemente con un viaggio in treno di due o tre ore. E se avete bisogno di ulteriori incentivi per visitarlo, il Belgio è anche il posto che ha dato vita al waffle belga.

Cosa vedere in Belgio: top 10

10. Municipio di Lovanio

Il Municipio di Lovanio sembra più una cattedrale che una sede del governo, forse perché le 236 statue che lo adornano raffigurano scene religiose. Le statue si trovano su tutti e tre i piani, e ogni piano rappresenta personalità importanti per il patrimonio della città. Costruito a metà del XV secolo in stile gotico, il municipio ha così tanti ornamenti che sembra fatto di pizzo. Si trova vicino al Grote Markt della città, ossia alla piazza principale, e di fronte alla Chiesa di San Pietro.


Leggi anche: Cosa vedere a Bruges: top 10


9. Beffroi di Mons

Mons è una città medievale, oggi capitale della provincia di Hainaut. È la sede dell’unico campanile barocco che si trovi in Belgio. Il campanile si trova nel punto più alto di Mons, in una piazza che una volta ospitava un castello; i resti del castello sono ancora presenti. Il campanile è alto 87 metri e accoglie un carillon di 49 campane, la più grande delle quali pesa cinque tonnellate. In cima al beffroi, costruito nel XVII secolo, c’è una cupola a forma di cipolla.


Leggi anche: Cosa vedere in Belgio

Cosa vedere in Belgio: top 10

8. Castello di Bouillon

Il castello di Bouillon si trova su una collina che domina la città di Bouillon. Si ritiene risalga ai romani, anche se venne menzionato per la prima volta solo nel X secolo. Uno dei suoi primi proprietari lo vendette per finanziare la sua partecipazione alla prima crociata. Il castello ha tre ponti levatoi, una segreta e una camera per le torture che i visitatori potranno vedere scendendo verso il basso. Il castello, considerato uno dei più belli in Belgio, ha un sistema di difesa a strati unico, progettato per difenderlo dagli invasori.

7. Grote Markt, Malines

Il Grote Markt di Malines è una piazza grande che si trova nel cuore della città; è la piazza principale della città. A un’estremità della zona pedonale della piazza fatta in ciottoli si trova la Cattedrale di San Rombaldo, la più grande chiesa della città, mentre il municipio si trova all’estremità opposta. Gli altri due lati vengono completati da ristoranti e negozi, che una volta erano case private. Quando la parte sotterranea della piazza è stata resa un parcheggio nel 2004, furono ritrovati i resti di una strada del XIII secolo. Oggi, la piazza ospita un mercato il sabato mattina.

6. Stazione Centrale di Anversa

Cosa vedere in Belgio: top 10

La Stazione Centrale di Anversa è la principale stazione delle Fiandre. L’edificio in pietra, aperto nel 1905, mostra ai viaggiatori una facciata imponente. In cima ha una cupola enorme alta 44 metri. La stazione è considerata il migliore esempio di architettura del Belgio e anche una delle più belle stazioni ferroviarie di tutto il mondo. I treni partono e arrivano da 14 binari posti su 4 livelli. Da qui partono anche treni ad alta velocità.

5. Cattedrale di Notre-Dame di Tournai

Il cattolicesimo è stata una religione molto importante nella città vallone a partire dal VI secolo, ma la costruzione della Cattedrale di Nostra Signora (Notre-Dame di Tournai) non iniziò prima del XII secolo. Mette insieme tre stili architettonici: romanico, di transizione e gotico. La cattedrale ha cinque campanili con soffitti che raggiungono quasi i 5000 metri d’altezza. È qui che si trova “The Issue of Souls in Purgatory”, un dipinto dell’artista fiammingo Peter Paul Rubens. Attualmente, la cattedrale è in fase di ristrutturazione, dopo aver subito gravi danni a causa di un tornado nel 1999.


Potrebbe interessarti: Cosa mangiare in Belgio

4. Castello dei Conti di Fiandra

Guardando il castello dei Conti di Fiandra si possono quasi immaginare i cavalieri in armatura scintillante cavalcare cavalli bianchi al di fuori del castello. Il che non sarebbe troppo lontano dalla realtà, dato che il castello fu progettato sulla base di quelli che i cavalieri videro nel medioevo durante la seconda crociata. Nei secoli fu usato come prigione e come fabbrica, con delle case costruite nel giardino. Sarebbe dovuto essere demolito, ma la città di Gand lo salvò nel 1885 e lo rinnovò. Adesso è una delle attrazioni principali in Belgio. All’interno, c’è un museo con gli strumenti di tortura utilizzati a Gand nel corso degli anni.

Cosa vedere in Belgio: top 10

3. Beffroi di Bruges

Sarà meglio che i visitatori siano in buona forma fisica, se vogliono salire i 366 scalini stretti che portano in cima al campanile di Bruges. Coloro i quali completeranno la salita di questo importante simbolo di Bruges saranno ricompensati con una splendida vista sulla città. Il campanile medievale risale al 1240 e fu costruito quando Bruges giocava un ruolo fondamentale nel settore tessile. Fu ricostruito dopo essere stato distrutto da un incendio 40 anni più tardi, ma nei secoli successivi fu soggetto ad altri incendi. Ad oggi, le campane suonano ancora.

2. Grand Place

La Grand Place (o Grote Markt) è una piazza imperdibile per i turisti che si recano a Bruxelles. Questa piazza centrale, infatti, è il principale punto di riferimento della città. Circondata dal municipio, la pizza non è grandissima se paragonata alle altre piazze del mondo, ma gli edifici antichi che la fiancheggiano la rendono davvero speciale. La Grand Place risale all’XI secolo, quando si teneva il mercato. Oggi ad agosto ogni due anni, un enorme “tappeto di fiori”, ricopre la piazza per alcuni giorni e un milione di begonie colorate vengono messe ad hoc a ricoprire la piazza.

Cosa vedere in Belgio: top 10

1. Canali di Bruges

Per via dei suoi canali, Bruges viene spesso definita la Venezia del Nord. Nel medioevo, il fiume “Reie fu trasformato in un canale che permetteva ai commercianti di portare i loro prodotti verso le Water Halls del mercato. Al giorno d’oggi, un giro in barca su questi famosi canali vi permetterà di godere di una bella panoramica dei luoghi più belli di Bruges.