I 9 parchi nazionali più belli della Thailandia

Se viaggiate in Thailandia e volete staccare dallo stress delle grandi metropoli urbane fare una tappa nei grandi parchi nazionali potrebbe essere un'esperienza assolutamente magica. Ecco alcuni parchi che abbiamo selezionato per voi, unici al mondo e ricchi di sorprese.

I 9 parchi nazionali più belli della Thailandia

La Thailandia è un paese con una serie di parchi nazionali lussureggianti. Se avrete l’occasione di visitare questa nazione incredibile, i grandi parchi costituiscono un’ottima alternativa agli agglomerati urbani che si trovano vicino alla maggior parte degli hotel e resort, in quanto vi daranno la possibilità di vedere la fauna selvatica e la natura incontaminata.

National Parks

Ecco per voi un elenco dei parchi nazionali più belli.

1. Kui Buri National Park

craig-stevenson-UTSfPjQtrtY-unsplash


Leggi anche: Le 10 isole più belle della Thailandia

Situato al confine con la Birmania, il Kui Buri è rinomato per essere uno dei siti migliori per osservare la natura, specialmente gli elefanti. È molto frequente incontrarne a branchi fare il bagno nelle vasche di irrigazione vicino al punto di osservazione di Pa Yang, che è dotato di piattaforme predisposte al wildlife watching. Mentre l’accesso al parco è consentito a tutti i visitatori muniti di auto, è necessario far parte di un tour guidato per poter esplorare le aree protette. A tale scopo vengono utilizzati dei pickup o dei fuoristrada 4×4, ed è possibile noleggiare tende o affittare bungalows per il pernottamento. Tra marzo e novembre, però, aspettatevi molta pioggia in quanto i mesi più asciutti sono giugno e luglio.

 2. Kaeng Krachan National Park

mandy-choi-_qZ0us4az20-unsplash (1)

Kaeng Krachan è il parco più grande in Thailandia, e si trova al confine della Riserva Tanintharyi Nature in Birmania. Il parco è principalmente costituito da foreste pluviali ed è famoso per la fitta nebbia che lo avvolge di mattina:  la sommità delle colline che spunta dalle nuvole nel periodo da dicembre a marzo crea uno spettacolo molto suggestivo. Il parco è conosciuto anche per la sua fauna molto varia, specialmente uccelli e farfalle. Qui sono state identificate più di 400 specie di uccelli, incluse quelle rare del Pitta gigante, dell’Argusianus argus e delle cicogne Episcopus, ma vi abitano anche molti mammiferi: leopardi, macaoni, orsi ed elefanti. E’ possibile andare in barca su uno dei due fiumi o nel grande lago, oppure scegliere fra le altre attività, ad esempio trekking nella foresta, birdwatching, kayak e roccia.

3. Khao San Roi Yot National Park

Khao San Roi, Phaya Nakhon Cave

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo parco, che si trova nella provincia di Prachuap Khiri Khan, è noto per le sue colline calcaree, infatti il suo nome significa “montagna dalle 300 vette”. Molti visitatori vengono a vedere Phaya Nakhon Cave, una caverna molto grande che contiene nel suo interno un tempio buddista. Il parco è molto popolare anche tra i birdwatchers, che qui potranno osservare qualcosa come 300 diverse specie di uccelli. Se vi trovate a Hua Hin, sarà molto facile organizzare un’escursione in giornata a Khao San Roi.

4. Khao Yai National Park

cascata nel parco Khao Yai


Potrebbe interessarti: Cosa vedere in Thailandia: 15 mete imperdibili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Istituito nel 1962, è il primo parco nazionale della Thailandia. È situato sulla catena montuosa del Sankamphaeng, e quindi è una destinazione scelta dai rocciatori e da coloro che amano il trekking. Con i suoi pascoli e foreste tropicali, il parco è un richiamo per gli amanti della natura. Alcune delle specie che potrete incontrare qui sono: leopardi, gibboni, scimmie, elefanti e, con un po’ di fortuna, è possibile localizzare la tigre, anche se è molto rara. Vi sono inoltre numerose cascate, la più grande delle quali è la Haew Narok.

5. Erawan National Park

erawan_national_park_-65

Si trova nella zona occidentale della Thailandia, nella provincia di Kanchanaburi. Tra le sue attrazioni più spettacolari, le Cascate di Erawan a sette livelli, dal nome di un elefante della mitologia Indù, dove ai più temerari sarà possibile tuffarsi. Sarà inoltre interessante esplorare alcune delle numerose caverne. Raggiungibile in un’ora e mezza da Kanchanaburi con il bus, è un’escursione da fare in giornata, ma volendo trascorrervi più tempo è possibile accamparsi o alloggiare in un bungalow.                                                                                                                

6. Mu Koh Surin National Park

Mu Koh Surin

 

Si tratta di un gruppo di isole protette nel mar delle Andamane, a 60 km dalla costa. Le Mu Koh Surin offrono diversi fondali per le immersioni nelle acque limpidissime, e Richelieu Rock è il posto più conosciuto per praticare questo sport, con una stupenda barriera corallina, pesci di ogni tipo, tartarughe ed altre creature marine.

È possibile visitare questo splendido parco marino con un tour organizzato, ma anche con un fai da te: alcune isole sono dotate di campeggi o bungalows. Mu Ko Surin è la destinazione ideale per chi vuole rilassarsi sulla spiaggia o dedicarsi alle immersioni.

7. Mu Koh Ang Thong National Park

Angthong-National-Marine-Park_-Tiland-going-thailand

È un parco marino nel Golfo di Thailandia e consiste in 42 isole, che è possibile visitare sia con il battello che con una barca a noleggio (ma anche con battelli veloci e kayaks). Ci sono moltissimi punti per fare immersioni e snorkelling, ed è possibile affittare tende e bungalows per chi volesse soggiornarvi più di una giornata.

Molte isole hanno spiagge bianchissime, mentre altre sono montuose e più adatte a praticare trekking o roccia. Oltre alle creature marine, sulle isole potrete vedere anche scimmie, otarie, cinghiali e macachi.                                              

8. Khao Sok National Park

ratul-ghosh-nFLhhAxN1EE-unsplash

Situato nella provincia di Surat Thani, consiste principalmente in una distesa di giungle e foreste pluviali, infatti è considerato il posto più piovoso della Thailandia, ma è appunto per questo motivo che contribuisce alla biodiversità. Oltre a centinaia di specie di uccelli, il parco annovera tra i suoi abitanti linci, daini, tapiri, elefanti e cinghiali.

Vi potrete trovare anche uno dei fiori più grandi, la Rafflesia Kerrii, che cresce  solo a Khao Sok. La stagione secca, tra giugno e ottobre, è il momento migliore per visitare questo parco  in quanto tra aprile e giugno i monsoni provocano frequenti inondazioni, che  rendono i sentieri scivolosi. 

9. Ao Phang Nga National Park

James Bond Island, Phang Nga Bay National Park, Phuket, Thailand

Si tratta di un parco marino nella Thailandia del Sud, nella provincia di Phang Nga, in cui ci sono diverse cose che meritano di essere viste, per cui è meglio prendersi alcuni giorni di tempo. Il parco comprende una baia di 42 isole carsiche con moltissime spiagge stupende, spettacolari scogliere calcaree, caverne e lagune da esplorare.

Il posto più conosciuto è l’Isola di James Bond, famosa per il film “L’uomo dalla pistola d’oro”, le cui scene sono state girate, appunto, su quest’isola. Se invece volete esplorare una caverna, è consigliabile scegliere un’escursione in giornata a Koh Panak, dove si può accedere soltanto in barca.