Quanti funghi si possono raccogliere

-
08/09/2015

Quanti funghi si possono raccogliere

Quanti funghi si possono raccogliere
Quanti funghi si possono raccogliere

Per chi vuole sapere quanti funghi si possono raccogliere, ecco uno schema suddiviso per regione. Attenzione però ai regolamenti.

Ogni Regione italiana ha il proprio regolamento e prima di avventurarsi alla ricerca dei funghi e per evitare di incorrere in sanzioni è bene leggere attentamente il regolamento della Regione dove si andrà per boschi.

Ad esempio il regolamento della Regione Lombardia stabilisce un limite massimo di raccolta giornaliera di 3 chili ed autorizza il raccolto solo ed esclusivamente dall’alba al tramonto. In Trentino Alto Adige la raccolta varia a seconda se si è residenti o meno, i non residenti possono raccogliere massimo  chilo a testa al giorno, i residenti massimo 2 chili a testa al giorno. La raccolta è inoltre permessa solo nei giorni pari, i proprietari dei terreni possono invece arrivare a raccogliere fino a 3 chili al giorno a testa e senza limitazione dei giorni di raccolta.


Leggi anche: Quanti funghi si possono raccogliere in Austria

REGIONE RACCOLTA GIORNALIERA
Abruzzo 3 Kg
Basilicata 3 Kg
Calabria 3 Kg
Campania 3 Kg
Em. Romagna 3 Kg
Friuli V.G. 3 Kg
Lazio 3 Kg
Liguria 3 Kg
Lombardia 3 Kg
Marche 3 Kg
Molise 3 Kg
Piemonte 3 Kg
Puglia 3 Kg
Sardegna 3 Kg
Sicilia 4 kg
Toscana 3 Kg
Trentino A.A. 2 kg
Umbria 3 Kg
V.D ‘Aosta 1 kg
Veneto 3 Kg

Il Corpo forestale dello Stato fornisce alcuni consigli utili agli amanti di questa attività.

Documentarsi sull’itinerario e scegliere i percorsi adatti alle proprie abilità fisiche e   psichiche;
2. Comunicare i propri spostamenti prima di intraprendere l’escursione;
3. Evitare di inoltrarsi da soli nel bosco, la presenza di un compagno è garanzia di un primo soccorso;
4. Consultare, prima della partenza, i bollettini meteorologici e osservare costantemente sul posto l’evoluzione delle condizioni atmosferiche. In caso di mal tempo non sostare in prossimità di alberi, pietre ed oggetti acuminati perché potrebbero attirare fulmini;
5. Scegliere l’abbigliamento e l’attrezzatura adatta all’impegno e alla lunghezza dell’escursione: si consigliano calzature da trekking, cellulare, lampada e coltello;
6. Se non si è certi della commestibilità del proprio raccolto, effettuare un controllo presso gli Ispettorati Micologici o l’Azienda Sanitaria Locale;
7. Il raccolto giornaliero non deve superare i tre chili per persona;
8. Non utilizzare rastrelli o uncini che possano danneggiare il micelio;
9. Pulire immediatamente il fungo dai residui di rami, foglie e terriccio per garantire la sua integrità;
10. I funghi raccolti devono essere trasportati in contenitori rigidi ed areati. L’utilizzo di sacchetti di plastica non permette infatti la diffusione delle spore fungine nel bosco. La mancanza di areazione causa il deterioramento del prodotto;
11. In caso di necessità contattare il 1515, numero di Emergenza Ambientale del Corpo Forestale dello Stato.