Viaggiare da sole: 10 errori da evitare

-
19/02/2016

Viaggiare da sole: 10 errori da evitare

Chi non ha mai desiderato di staccare la spina, prendendo il primo aereo in partenza ed andare lontano? O vi sarà pur capitato di dover partire per motivi di lavoro… In quest’ultimo caso, la felice combinazione tra il dovere e l’entusiasmo di scoprire il mondo vi avrà di sicuro condotto in città, Paesi e continenti nuovi.

A volte, sentiamo la necessità di allontanarci temporaneamente dalla routine per poterci rilassare e, nello stesso tempo, ricaricare sia nel corpo che nello spirito, per questo scegliamo di intraprendere un viaggio da sole così da poter liberare la mente da ogni minimo pensiero.

La decisione di viaggiare da sole, specialmente se si tratta di mete internazionali, è un’esperienza che ogni donna dovrebbe vivere almeno una volta nella vita. Che si tratti di un viaggio-studio, nel corso della propria formazione universitaria; o di un viaggio di lavoro; o ancora di un viaggio da compiere, quando sarà già spuntato il primo capello bianco, vi lascerà un ricordo indelebile nel cuore come poche altre esperienze sapranno fare.

Tuttavia, viaggiare da sole può essere pericoloso. Che siate in India o in Messico, tenete presenti i 10 suggerimenti che stiamo per illustrarviLa maggior parte di essi scaturiscono da esperienze vissute, fortunatamente, con conseguenze poco rilevanti e che vi saranno senz’altro d’aiuto ovunque vogliate recarvi. Chilometro dopo chilometro ne apprenderete sempre di più!

Che sia il primo o il decimo viaggio che intraprendete da sole, evitate di commettere questi errori:

Prima di partire:

1) Non condividere il programma di viaggio

Dal numero di volo, all’hotel in cui soggiornerete, ai numeri del proprietario della casa vacanze, assicuratevi che qualcuno (possibilmente di fiducia) sappia dove vi trovate, nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto. In questo modo, saprebbero come rintracciarvi. Non è affatto prudente, infatti, recarsi dall’altra parte del mondo e rendersi conto solo dopo l’arrivo che non c’è anima viva oltre a voi, a cui comunicare dove avreste dovuto essere e in quale momento. Non è affatto geniale! Basterebbero solo due secondi per inoltrare conferme e itinerari.


Leggi anche: Allattamento,10 errori da evitare

2) Non dimenticare la valuta estera

Dalle carte di credito alle carte di debito, devono sapere che state per recarvi all’estero, altrimenti vi verranno bloccate. Non sarebbe affatto divertente finire in un Paese straniero con pochi euro inutilizzabili o con carte non funzionanti per giorni interi!

3) Non avere medicinali

Portate con voi un antibiotico ad ampio spettro, nel caso in cui, ad esempio, un indesiderato batterio colpisca il vostro pancino, causandovi scompensi intestinali… ma non scegliete casualmente; meglio fare un salto dal vostro medico di fiducia per chiedergli un parere su quale sia l’antibiotico più appropriato.

4) Non evitare di restare senza passaporto

Meglio mettere in conto la probabilità di smarrire il passaporto per evitare brutte sorprese. L’idea sarebbe di fotocopiarlo e di inserire una copia in ogni valigia, conservandone un’immagine anche sulla fotocamera… nella speranza di non dover mai arrivare al punto di essere contente di aver preso questi provvedimenti, fortunatamente, in tempo!

5) Non assicurarsi che il telefono funzioni

Forse sì, forse no… quel che conta è assicurarsi che funzioni! Bisogna sempre chiamare prima di partire ed installare un sistema di messaggistica istantaneo, configurato su un pacchetto internazionale, per poter inviare messaggi o fare telefonate da qui o da lì, qualora dovesse presentarsi la necessità. In caso contrario, telefonare o messaggiare sarà eccessivamente costoso e poco conveniente.

Durante il viaggio:

1) Non dire il numero della stanza ad alta voce

Bisogna fare molta attenzione. Lo staff dell’hotel ha bisogno di sapere in quale stanza soggiornate, qualora dovesse offrirvi un servizio in camera come farvi recapitare degli asciugamani o un semplice caffè. Ma assicuratevi di non dire il numero della vostra camera in presenza di altre persone, ad esempio, quando ci si trova in un atrio affollato. Al receptionist potreste mostrare il numero direttamente dalla chiave della vostra stanza o dal telefono se lo avete salvato tra le note.


Potrebbe interessarti: I 5 errori più comuni dei ventenni

2) Non lasciare che uno sconosciuto vi riporti direttamente a casa

Premesso che è assolutamente sconsigliabile fare l’autostop, in casi estremi in cui farsi riaccompagnare a casa (o comunque nell’alloggio) da uno sconosciuto sembri l’unica alternativa possibile, evitate almeno di farvi portare proprio davanti casa. Piuttosto scendete dall’auto qualche metro prima, da cui poter proseguire tranquillamente a piedi, in modo da non mostrare al conducente il vostro indirizzo.

3) Non lasciare l’anulare sinistro senza anello

In alcuni Paesi, il dito anulare sinistro di una donna senza alcun anello spiccherebbe esattamente come se fosse avvolto da uno sgargiante strato bianco di garza; in altre culture, invece, vi lascerebbero subito in pace se fate credere che vostro marito sia dietro l’angolo. In ogni caso, specialmente se la meta è un Paese in via di sviluppo, meglio portare con voi vostro marito (immaginario), sfoggiando ad esempio l’anello di vostra nonna come prova del matrimonio.

4) Non fare in modo che nessuno abbia la più pallida idea di dove vi troviate

Quando si viaggia da sole, parte della bellezza di questa nuova esperienza è dovuta proprio alla completa e disinibita libertà. Eppure, qualcuno dovrebbe anche sapere i nostri vaghi spostamenti per ogni evenienza. Esistono delle app per mobile che permettono alla famiglia di ottenere gli aggiornamenti ogni volta che si cambia località dall’altra parte del globo; in questo modo, potrete stare più tranquille sia voi… che la vostra famiglia, dal momento che potrà sapere in ogni momento dove vi trovate.

5) Non viaggiare in una campana di vetro

Quest’ultimo suggerimento potrebbe sembrare contraddittorio rispetto a tutte le raccomandazioni finora illustrate, che vi saranno suonate come un noioso susseguirsi di attenzione di qua e attenzione di là… In fondo, viaggiare significa anche gettare via la cautela di tanto in tanto, altrimenti non risulterebbe poi così esilarante come dovrebbe! Quando lo fate però, siate consapevoli che gli errori che state rischiando di commettere siano “calcolati”. Ponderate prima di lanciarvi ugualmente in una nuova avventura, che sia guidare una moto-taxi senza saperlo fare o bere whisky sul tetto di una casa con degli sconosciuti. Per ottenere il massimo dal vostro viaggio, vi sarà indubbiamente concesso uscire dalla campana di vetro, ma a patto che usiate un minimo di prudenza.